Come già era accaduto per il MeToo, che riguardava le denunce fatte nei confronti di grandi produttori hollywoodiani come Harvey Weinstein, ecco che arriva un’altra campagna di moltissime donne guidata da alcune celebrità in favore del legge sull’aborto. Questo arriva in seguito all’approvazione da parte dell’Alabama del divieto all’aborto anche in casi estremi come gravidanze causate da incesto o da violenze sessuali. La posizione dell’Alabama, di certo ha lasciato tutti scioccati poiché una decisione di questo tipo, ha risvolti davvero pesantissimi sulla vita di moltissime donne soprattutto in paesi come questo. Senza contare il risvolto mediatico e soprattutto l’apertura di una via antiabortista così importante che anche altri paesi potrebbero seguire e approvare.

Il movimento a favore dell’aborto

Alla firma di questo divieto dell’Alabama all’aborto ecco che, a dare il via ad un nuovo movimento sicuramente di matrice femminista ma che anche moltissimi uomini appoggiano, è Busy Philips un’attrice TV che ha voluto per prima condividere la sua esperienza. La Phillips racconta di quando era una quindicenne che ha dovuto interrompere a malincuore una gravidanza, raccontando di quanto l’aborto sia per una donna difficile e non una decisione presa a cuor leggero.

La Philips ha voluto suggellare il tutto con un Hashtag Instagram #Youknowme, che segue moltissimo le linee del #MeToo, dove moltissime donne hanno iniziato a raccontare la loro storia e le loro esperienze sull’aborto.

L’adesione social al  movimento #Youknowme

In seguito a lei queste scritte sono subito apparse su tutti i social di moltissime star che hanno preso posizione proprio riguardo a questo tema. Tra le altre hanno preso posizione anche l’attrice Reese Witherspoon e la cantante Lady Gaga.  Lady Gaga già era stata una delle grandissime sostenitrici del movimento #metoo.

Con l’hashtag #Youknowme, moltissime donne in tutto il mondo hanno iniziato non solo a sostenere questa campagna, ma soprattutto a raccontare le loro storie. Storie che purtroppo sì celano dietro la scelta di abortire e dietro alle motivazioni per cui questa difficile decisione viene presa. La volontà è proprio quella di sensibilizzare in merito all’aborto. Ma soprattutto di far capire quanto sia talvolta necessario e quanto le donne siano talvolta vittime di questa decisione che devono prendere.

L’importanza dell’aborto

Soprattutto nel caso in cui ci si tratti di una violenza sessuale in questo caso si rischia di avere il danno e la beffa. La donna viene doppiamente violata, poiché prima stuprata e in seguito impedita nel decidere liberamente del figlio che porta nel grembo. Di certo questo è un movimento che come il #metoo è fortunatamente destinato a continuare per molto tempo.

Questo è davvero importantissimo e non solo per le donne ma per tutto il mondo. È importante sicuramente che l’Alabama torni sui suoi passi ma soprattutto che questo non apra la strada ad altre possibili visioni di questo tipo da parte di altri stati perché preservare la legge sull’aborto è fondamentale.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]