Negli ultimi anni si è affermata la medicina naturale, proponendo delle cure alternative in grado di trattare alcuni disturbi e malesseri di lieve entità. In particolare sono sempre più note le proprietà benefiche delle alghe, specie vegetali ricche di preziose sostanze per l’organismo, con le quali si realizzano integratori e si possono preparare piatti salutari e gustosi.

I tipi di alghe più comuni e i loro benefici

Organismi vegetali che crescono in acqua, le alghe sono delle specie poco conosciute in Occidente, ma rinomate nella medicina orientale da migliaia di anni per le loro innumerevoli proprietà. Utilizzate nella cucina asiatica e nell’alimentazione macrobiotica, le alghe sono alimenti biologici e naturali davvero importanti, in grado di proteggere il nostro organismo.

Tra le specie più comuni troviamo le alghe Nori, Wakame e Kombu di origine giapponese, adoperate nella cucina nipponica per la preparazione di piatti e pietanze. Ad esempio la Kombu è coltivata anche in Spagna ed è molto ricca di iodio, steroli, vitamina A, B1, B2 e D, mentre la Wakame proviene dalla Cina e dal Giappone e offre notevoli quantità di calcio e antiossidanti.

L’alga Nori è abbastanza comune nelle regioni atlantiche e nel bacino del Mediterraneo, ed è usata per le tracce considerevoli di vitamina C, B12, ferro e carotenoidi. Piuttosto salutare è anche l’alga Arame, comune nella zona del Pacifico e in Giappone, in grado di apportare tantissimi sali minerali come lo iodio, il calcio e il fosforo.

Gli integratori a base di alghe

Il modo più semplice per approfittare delle proprietà benefiche delle alghe è attraverso gli integratori alimentari, acquistando prodotti naturali di alta qualità come quelli a base di alga spirulina. Con l’estratto di questa specie vegetale vengono realizzati integratori che aiutano nel dimagrimento, di cui ne parla qui anche soluzione.online.

Ovviamente non è l’unico prodotto, né la sola alga adoperata per gli integratori alimentari. Ad esempio ci sono quelli a base di estratto di Clorella, ottima fonti di vitamina A, B e di proteine, oppure gli integratori preparati con l’alga Kelp, per fornire al corpo iodio naturale utile nel bilanciamento del metabolismo e nell’equilibrio delle funzioni della tiroide.

Come integrare le alghe nell’alimentazione

Le alghe comuni possono essere integrate all’interno della dieta, un modo veramente semplice per beneficiare delle proprietà di queste specie vegetali. Usarle in cucina non è così difficile, nonostante siano tipiche della tradizione gastronomia orientale, basta imparare alcune ricette e cambiare un po’ le proprie abitudini alimentari.

Ad esempio l’alga Wakame si può consumare cruda, aggiungendola nell’insalata insieme ad altre verdure come carote, lattuga e finocchi, basta lasciarla a bagno e lavarla con attenzione. Le alghe Kombu, invece, sono deliziose per preparare zuppe di riso, da mettere nel brodo caldo per insaporire il piatto.

Con le alghe Arame, ricche di potassio e fosforo, è possibile usare la creatività, impiegandole per saltare la pasta, a crudo con l’insalata o per accompagnare verdure al forno come melanzane e zucchine. Chi preferisce adoperare le alghe Nori può usarle per dare un tocco orientale al pesce, altrimenti sono perfette per i classici involtini vegetariani o di carne.

Le proprietà delle alghe: perché fanno bene?

Le alghe contengono tantissime sostanze salutari per il nostro organismo, come vitamine, sali minerali e soprattutto antiossidanti. Le proprietà di queste specie naturali sono molteplici, quindi non devono essere sottovalutate e inserite se possibile all’interno della propria alimentazione, al pari della verdura, dei legumi e della frutta.

A seconda della varietà possono aiutare a riequilibrare il metabolismo, regolarizzare la tiroide, fortificare capelli e unghie, rafforzare il sistema immunitario, migliorare le funzioni intestinali e svolgere un’azione disintossicante. Sono adatte specialmente ai vegani e agli sportivi, poiché offrono un’alternativa naturale per l’integrazione alimentare.

Alcune alghe sono adoperate per la realizzazione di prodotti cosmetici, infatti risultano estremamente utili nell’idratazione della pelle e nel contrasto dell’invecchiamento. La maggior parte delle funzioni terapeutiche è invece concentrata nella depurazione dell’intestino e nel metabolismo.

Le alghe sono economiche, inoltre aiutano nella depurazione degli ecosistemi marini e svolgono un’azione importante se presenti in quantità adeguate, motivo per il quale sono dei preziosi alleati non solo a tavola, ma anche nella tutela dell’ambiente e dell’atmosfera. Senza dubbio la cultura giapponese può insegnarci come usare le alghe a tavola e prevenire alcuni disturbi e malesseri.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]