Che mangiare sano sia di certo una delle migliori scelte che possiamo fare per il nostro benessere non significa che sempre un cibo sia una vera e propria medicina. Non bisogna confondere il cibo con i medicinali che talvolta sono necessari; di certo però alcuni cibi possono davvero avere un’azione difensiva molto forte per l’insorgere di alcune malattie. Un esempio lampante è rappresentato dalle fibre e dai cereali. Si è infatti scoperto recentemente avere proprietà difensive contro cancro, diabete e infarto.Moltissimi di noi già regolarmente consumano fibre e cereali, soprattutto al mattino. Sono soprattutto i paesi del nord del mondo ad essere abituati a consumare una buona quantità di fibre e cereali a colazione. Solitamente essi vengono consumati preferibilmente con dello yogurt o del latte proprio ad inizio giornata per dare la carica.

Ognuno sceglie le fibre e i cereali che più gli aggradano e ne consuma la quantità che desidera. Tuttavia recenti studi hanno spiegato come il giusto quantitativo sia fondamentale per la difesa del nostro corpo da cancro, infarto e diabete. Lo studio è stato pubblicato dalla nota rivista Lacet e lo studio condotto da una università della Nuova Zelanda.

Fibre e cereali difesa per il nostro corpo

Per questo studio i ricercatori hanno valutato moltissimi casi di morte per infarto, malattie cardiovascolari in generaleictus, diabete e cancro solitamente associato a casi di obesità. I tumori più incidenti in caso di obesità sono quelli riguardanti il seno, il colon retto, la prostata ed infine l’esofago. Queste tipologie di cancro sono state riscontrate in soggetti con una massa grassa eccessiva che vanno a “sforzare” quella parte.

Secondo gli studi clinici e le valutazioni è stato visto che con circa 8 grammi di fibre consumate in più durante l’arco della giornata, l’incidenza e soprattutto la mortalità per cancro al colon, diabete e infarto diminuisce per valori che oscillano tra il 5 e il 27%. Se in questi casi hanno un vero e proprio effetto, hanno effetto anche sulla diminuzione degli ictus e soprattutto del cancro al seno.

Il miglioramento si è visto con l’apporto di soli 8 grammi in più al giorno ma è stato stimato che per un miglioramento reale, importante e costante ne servono circa 30 g al giorno. Questo anche perché alcune persone recepiscono meglio gli effetti e altre meno. Una dose di 30 g invece è utile per tutti i casi.

Ad oggi si è visto che le morti causate da queste tre malattie molto gravi diminuisce di un range compreso tra il 2 e il 19%. Aumentando le dosi di cereali e fibre ingerite si arriva a toccare una riduzione dei decessi addirittura del 33%. Questo è un dato assolutamente straordinario. Per far si che questo miglioramento abbia davvero effetto occorre consumare le fibre naturalmente presenti negli alimenti. Qualunque sofisticazione farebbe perdere ogni effetto benefico.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]