Se con gli smartphone si era arrivati già a livelli inimmaginabili di tecnologia avanzata, con la nuova invenzione targata Huawei, si è superata questa soglia.

Il colosso cinese ha progettato Mate 10 Pro, uno smartphone in grado di guidare un auto senza bisogno di un conducente.

Chiamare questo modello semplicemente “cellulare” è molto riduttivo, dal momento che dietro a questo nuovo portentoso modello di smartphone c’è in realtà un altissimo sviluppo tecnologico che è stato eletto “best phablet 2017”.

Quello che lascia perplessi non sono sicuramente le qualità tecnologiche di questo modello, a partire dal display fino ad arrivare alla memoria, ma è la reale capacità che può avere nel dirigere un automobile.

Le prime prove eseguite su Porche Panamera hanno dato risultati certamente strabiliante perché già il fatto di poter guidare un auto senza bisogno del guidatore è di per sè una cosa inimmaginabile fino a non molto tempo fa, e il fatto che a farlo ora sia uno smartphone, è ancora più sorprendente.

Questo progetto portato avanti da Huawei prende il nome di “RoadReader” e vuole, oltre che stupire, anche mettere alla prova la reale capacità dei propri dispositivi, la loro velocità e valutarne in toto le prestazioni per poterle, eventualmente, migliorare e incrementare.

Huawei ha cercato di trasformare il veicolo in dotazione in un vero e proprio computer su ruote che fosse in grado di captare il mondo circostante ed elaborare un percorso alla velocità della luce per poter evitare gli eventuali ostacoli e mantenere una traiettoria sicura, come farebbe un guidatore reale.

Ovviamente il progetto non è embrionale, ma comunque non ancora sviluppato a dovere, anche perché è stato sviluppato in tempi davvero brevissimi per i risultati ottenuti, ma deve ancora essere migliorato.

Nonostante il progetto sia ancora in via di sviluppo, Huawei sa benissimo di aver spalancato le porte ad una nuova frontiera della tecnologia che ha stupito davvero tutti.