Continuano a salire i prezzi per le famiglie italiane. In un anno, per ogni famiglia, è stato stimato che si dovranno spendere più di mille euro tra rincari di bollette ed altri costi da sostenere che sono stati maggiorati, tra cui quelli relativi al pagamento del pedaggio autostradale ed ai famigerati sacchetti dell’ortofrutta che dall’inizio di questo 2018 sono appunto a pagamento.

A dare la notizia di questi rincari è stata l’Adusbef (Associazione difesa utenti servizi bancari e finanziari), che ha realizzato un calcolo medio tenendo conto di diverse variabili e degli aumenti di spesa che colpiranno tutti in modo sicuro. È stato stimato, quindi, che la crescita dei prezzi costerà ad ogni famiglia italiana circa 1038 euro in più rispetto all’anno appena trascorso.

 

I rincari predetti da questa stima prevedono circa un centinaio di euro per i mezzi di trasporti, 25 euro per l’assicurazione dell’automobile, 18 euro per i sacchetti dell’ortofruta, 55 euro per i ticket ospedalieri, 105 per spese scolastiche (comprese anche il pagamento delle mense), 49 euro per il pagamento della tassa definita Tari e circa 150 euro di aumento per le tariffe professionali ed artigianali. E queste sono soltanto alcune delle voci che prevedono un aumento dei costi da sostenere e che le famiglie saranno chiamate a pagare.

L’Adusbef, nel fare questo bilancio indicativo, ha tenuto conto dell’aumento dei prezzi in diversi settori che riguardano la vita quotidiana di ogni persona, e non ha omesso di prender in considerazione  anche la recente questione relativa ad Arera, l’Autorità dell’energia, che ha ottenuto (tramite sentenze del Consiglio di Stato del Tar) di potersi rifare sui contribuenti paganti per le somme dovute dai cittadini morosi.

Una polemica, questa, scoppiata qualche giorno fa e riguardante le bollette della luce. Pare infatti che, in parte, le bollette non pagate dai morosi dovranno essere risarcite dai contribuenti regolarmente paganti. Le somme dovute (inizialmente, una tranche di “soli” 200 milioni di euro) saranno ridistribuite, per un totale di una spesa maggiorata per la bolletta elettrica pari a 41 euro che ogni famiglia dovrà sborsare. Il debito totale contratto dai morosi si aggirerebbe intorno al miliardo di euro, ma la cifra è destinata a salire.

 

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]