Decine di persone sono morte in tutto il Giappone a causa delle torride temperature estive. Pare infatti siano decedutee almeno 44 persone dal 9 luglio, con 11 decessi solo il sabato. A Kumagaya, una città vicino a Tokyo, il mercurio è salito a 41,1 gradi, il più alto mai registrato in Giappone, quasi 12 gradi più caldi delle temperature medie in questo periodo dell’anno.

Il caldo ed i suoi effetti sulle persone

A partire da oggi,  le autorità hanno continuato a prevedere temperature estreme superiori ai 35 gradi. Le agenzie meteorologiche giapponesi affermano che le persone dovrebbero prendere misure appropriate, come ad esempio bere molta acqua, stare lontano dai raggi solari diretti ed utilizzare l’aria condizionata. Il numero delle vittime del caldo potrebbe aumentare. Gli anziani e le persone con l’asma e con l’insufficienza cardiaca, rischiano di avere gravi problemi di salute a causa del tempo. Ecco quali sono gli effetti del caldo sulle persone: esaurimento da calore, ictus, disidratazione, emicrania, perdita di sonno e alterazione dell’umore. Più persone verranno coinvolte in incidenti stradali per via della diminuzione della capacità di concentrazione, degli sbalzi d’umore e della scarsa qualità del sonno.

Eventi e festival cancellati a causa del caldo

Le scuole in tutto il Giappone, che sono attualmente in pausa estiva, hanno annullato eventi sportivi e all’aperto. Anche la parata di Hanagasa Junko, il secondo più grande evento del festival Gion Matsuri, è stata cancellata a causa del caldo. Circa 300 bambini e anziani avrebbero dovuto sfilare a Kyoto, ma gli organizzatori hanno detto che il caldo sarebbe troppo rischioso per loro.
Il caldo sarà snervante per gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo 2020, che dovrebbero iniziare tra due anni. I preparativi sono già in atto per affrontare potenziali problemi dell’innalzamento delle temperature. Ecco cosa ha riferito ai giornalisti il ​​segretario del gabinetto Yoshihide Suga”C’è la possibilità che le temperature elevate continueranno fino all’inizio di agosto“.

Un’estate troppo calda per l’Asia

Il mese scorso è stato il quinto giugno più caldo mai registrato. Gran parte dell’emisfero nord ha vissuto un’estate torrida caratterizzata da ondate di calore e da condizioni climatiche estreme. L’Asia è stata particolarmente colpita, in particolare i paesi come la Cina, il Giappone e le Filippine. Ricordiamoci che almeno 21 persone sono morte a causa di inondazioni improvvise questo mese e che oltre 190.000 persone sono state trasferite a Shanghai e dintorni, dove la tempesta tropicale Ampil sta colpendo la costa orientale della Cina. Centinaia di migliaia di persone sono state evacuate anche nelle Filippine, a causa delle piogge monsoniche che hanno generato inondazioni e altri pericoli. L’ondata di caldo del Giappone arriva dopo che il paese ha subito alcune delle peggiori alluvioni negli ultimi anni.