Se molto spesso dal punto di vista della salute arrivano notizie rassicuranti grazie alla scoperta di nuovi farmaci, talvolta ne arrivano altre decisamente preoccupanti. L’ultima in ordine di tempo arriva come un fulmine a ciel sereno e preannuncia l’impossibilità di avere insulina per tutti i diabetici in un futuro molto prossimo.Nell’arco di dodici anni è stato stimato che il numero di pazienti diabetici aumenterà di circa il 20%. Questo non consentirebbe di avere insulina sufficiente per tutti coloro che la necessitano. Le stime parlano di numeri davvero preoccupanti. Si pensa che un diabetico su due non possa essere in grado di ricevere le cure necessarie per contenere questa malattia.

Secondo i ricercatori della Stanford University, in futuro sarà impossibile avere l’ormone per tutti coloro che scopriranno di avere il diabete e questa è una vera e propria catastrofe. Il problema che sta alla base di questo è il reperimento dell’insulina. Questo ormone è già di per se difficile da trovare e l’incremento del numero dei pazienti diabetici peggiora la situazione.

L’incremento del 20% di pazienti con un diabete di tipo 2 che necessitano cure a base di questo ormone, non saranno in grado di curarsi. Questo anche perché il diabete è una malattia che non scompare ma può semplicemente essere tenuta a freno dai medicinali.

Perché aumenteranno i casi di diabete

La previsione catastrofica di un aumento dei casi di diabete è legata al progressivo invecchiamento della popolazione e non solo. Anche i cambiamenti di tipo antropico, che siano di urbanizzazione o di stile di vita, contribuiscono a peggiorare questa situazione.

Gli esperti chiamano in causa i governi per poter arginare la situazione che è già di per se drammatica e che potrebbe peggiorare. Le condizioni di vita sono in repentina evoluzione, ma purtroppo in peggio. L’intervento dell’uomo a tutti i livelli non favorisce buone condizioni di vita ma, anzi, le peggiora di continuo.

La stima dell’aumento del diabete, indipendentemente dalla problematica drammatica dell’insulina, è già di per se preoccupante. L’idea che tra poco più di dieci anni il 20% in più della popolazione soffrirà di questa malattia non guaribile ma solamente controllabile, ha messo i ricercatori sull’allerta. E’ necessario intervenire per migliorare le condizioni di vita e soprattutto le abitudini.

Le abitudini alimentari influiscono moltissimo su malattie di questo tipo ed è quindi necessario agire a largo raggio mandando segnali importanti che inducano la popolazione a prendere provvedimenti. La sensibilizzazione è fondamentale in moltissimi campi, soprattutto in quello della salute. Cercare di prevenire l’insorgenza della malattia è importantissimo. Uno stile di vita sano è fondamentale per poter vivere più a lungo e meglio. Soprattutto in questo caso in cui non ci sia nemmeno disponibilità di medicinali per tutti. Un po’ di tempo per cercare di arginare la situazione c’è, ma è necessario attivarsi subito per un cambiamento.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]