Di auto elettriche si parla ormai da moltissimo tempo ma ora è giunto davvero il momento di fare i conti con la realtà e di cambiare in toto stile di vita. Ad intervenire in questo argomento è questa volta una voce molto autoritaria, l’Amministratore Delegato di Enel X, Francesco Venturini. Venturini ha parlato dell’importanza e soprattutto dell’inevitabilità della trasformazione che non riguarda solo il campo dell’energia e che non è solo un futuro ma soprattutto presente.

La trasformazione energetica secondo Venturini

Venturini ha spiegato quanto la rivoluzione non sia più il futuro ma il presente. La rivoluzione non è solo energetica ma generale è in atto ed è necessario prenderne coscienza e adeguarsi. E’ importante che siano i comuni a prendere le redini della situazione per spiegare ai cittadini quanto sia importante questa transizione. Non ci si può sempre aspettare che a fare questo lavoro sia qualcun altro.

Ogni amministrazione ha il dovere di informare i propri cittadini nel migliore dei modi e di far loro capire l’importanza di questa transizione. Questo anche perché, spiega Venturini, non è più solo una semplice scelta, ma un obbligo. non si potrà più decidere se avere la macchina ibrida o elettrica. Sarà necessario per forza fare una scelta di questo tipo perché è questo che viene richiesto.

In questo caso non è una semplice richiesta del mercato, ma una vera e propria necessità del mondo. Riconvertire l’energia utilizzando macchine elettriche e non solo è una necessità non una scelta. Per questo motivo è necessario adeguarsi al mondo ed entrare nell’ottica giusta. Per questo è necessario che l’Italia si attrezzi a dovere.

Nuovi punti di ricarica per l’ auto elettrica

In programma ci sono moltissimi altri punti energetici di ricarica che devono essere installati. Entro il 2022 Venturini conferma che si avranno circa 28000 punti di ricarica in più per auto elettriche. Questo perchè i cittadini capiscano che la loro scetticità non può più esistere. Il cambiamento non è più una scelta ma una necessità. E’ necessario cambiare, che piaccia o meno, e per farlo servono gli strumenti adeguati.

Di certo è importante che i cittadini vengano messi nelle condizioni per poter usufruire di questi servizi al meglio. Per questo motivo si pensa ad una distribuzione capillare di colonnine energetiche da nord a sud per poter dare a tutti la possibilità di avere un servizio realmente efficiente. Di certo come tutti i cambiamenti non può essere repentino ma di certo deve essere progressivo.

E’ necessario adeguarsi e adattarsi al mondo e credere nel futuro. Tutti devo capire quanto sia importante questa transizione e che l’energia non sia l’unica protagonista di essa. Il cambiamento e l’innovazione sono generali e seguirli non è solo un diritto ma un dovere.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]