L’Amministrazione Comunale di Verona, in sede di Consiglio Comunale, ha votato all’unanimità la candidatura di Verona per la corsa a Capitale Italiana della Cultura 2021. Nelle prossime settimane sarà disponibile il relativo bando emanato dal Ministero per i Beni, le Attività Culturali e del Turismo.

Verona, una candidatura che mette d’accordo tutti

La presentazione della piattaforma programmatica e dei progetti che si intende realizzare, sostenuti soprattutto da Daniela Drudi (Presidente della Commissione Cultura) è stata fatta alla presenza di altri cinque consiglieri comunali appartenenti a partiti politici diversi. Un messaggio, questo, davvero importantissimo: come a dire che quando è il momento di pensare a far crescere la cultura e la collettività che ne fruisce non esiste fazione o scontro che tenga.

La candidatura di Verona, la città scaligera, a Capitale Italiana della Cultura 2021 è stata presentata per un anno che farà registrare una particolarissima ricorrenza, così come ha ricordato anche Daniela Drudi: “Una proposta che ha unito tutte le categorie e le forze politiche, senza distinzione di colori o appartenenze. Proprio nel 2021 ricorrerà il 700° anniversario della morte di Dante Alighieri, per il quale Verona fu la seconda patria. (…)“, in chiaro riferimento all’accoglienza riservata da Cangrande della Scala, signore di Verona, al sommo poeta in fuga da Firenze.

Verona Capitale della Cultura 2021

Verona: la città dell’arte e dell’amore

Verona è la città che ha saputo mettere d’accordo tutti sulla sua candidatura grazie alla grandiosa offerta culturale di cui la città veneta è ricchissima. Grazie alla sua continuità di vita, praticamente interrotta nel corso dei secoli, la città pullula di testimonianze artistiche ed archeologiche.

Celeberrime sono l’arena di Verona (epoca romana), la Basilica di San Zeno (grande capolavoro dell’arte romanica), Castelvecchio (il castello fatto costruire da Cangrande della Scala) e queste sono soltanto una parte infinitesimale delle ricchezze architettoniche e culturali di Verona. All’interno di Castelvecchio sono allestite anche le 29 sale del Museo Civico, tra i principali della città.

Verona è anche la città degli innamorati per antonomasia. Qui tutte le coppie vanno a visitare il famoso balcone di Romeo e Giulietta presso la medievale casa di Giulietta. A Verona, infatti, in molti hanno voluto riconoscere molti dei luoghi citati nell’omonima tragedia di Shakespeare.

 

 

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]