La conferenza stampa di ieri pomeriggio di Giuseppe Conte, leader in pectore del Movimento 5 stelle, non ha lasciato dubbi su come la pensi l’ex premier e di quali siano le sue intenzioni. Conte ha ripercorso la sua stagione nel Movimento 5 stelle e ha spiegato negli ultimi 4 mesi quale sia stato il suo percorso da leader del Movimento e le sue intenzioni di lavoro su di esso. Intenzioni che, come ammesso, non collimano con quelle di Beppe Grillo, al quale lui porge ancora la mano in cambio di scuse pubbliche.

Il percorso di Conte nel Movimento

Nel pomeriggio di ieri Giuseppe Conte si è presentato esattamente alle 17.30, ora stabilita per la conferenza stampa. Un chiaro segnale di quanto fosse impellente la sua voglia di spiegare e spiegarsi a tutti e di chiarire quale sia la situazione che sta attraversando il Movimento. Conte infatti, parte proprio spiegando quanto per lui sia fondamentale in ogni passaggio, fare chiarezza. Chiarezza non solo con il Movimento, ma soprattutto con gli elettori. La trasparenza per lui è fondamentale, anche se questa richiede senza dubbio un’esposizione mediatica importante.

Conte ha spiegato cosa ha fatto nei passati mesi e quanto si sia preparato per guidare il Movimento e farlo davvero diventare un partito strutturato e in grado di affrontare sfide importanti. Per questo però, è anche necessario e fondamentale che il Movimento si trasformi e cresca, cosa che Grillo non sembra voler accettare. Conte ha infatti paragonato Grillo ad un visionario che di fatto ha dato vita ad un sogno che tutti credevano irrealizzabile. Tuttavia ha anche spiegato come il genitore, deve decidere se lasciare libero il figlio di crescere ed evolversi o se vuole essere un “padre padrone” e non permettergli nulla.

 La richiesta delle scuse di Grillo

Proprio sulla differente visione del Movimento, che Conte vorrebbe cambiare profondamente nella struttura per renderlo più solido e che Grillo vorrebbe solamente restaurare, l’ex premier preme l’acceleratore. Conte ha spiegato quanto stimi Grillo per ciò che ha fatto, ma anche quanto il suo comportamento non sia in linea con quello che vorrebbe lui dal Movimento e quanto sia necessario un cambiamento profondo.

Conte ha nuovamente dato l’appoggio a Grillo e al movimento e si dice pronto ad impegnare tutto se stesso, ma per farlo deve credere nel progetto. Progetto di cui Grillo ha una visione molto diversa. Conte ha inoltre chiesto a Grillo delle scuse pubbliche per poter continuare ad avere con lui un dialogo, dialogo che deve però necessariamente essere aperto al cambiamento.

La reazione di Grillo, secondo fonti accertate, non è stata delle migliori. Si dice che Grillo sia furibondo per l’accaduto e che ritenga Conte molto arrogante nelle sue posizioni. Tuttavia non ci sono conferme o comunicazioni ufficiali e si resta in attesa di sapere.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]