Molto spesso quando si decide di cucinare qualcosa di veloce e semplice si opta per una pasta.

Di certo la pasta è un primo piatto decisamente veloce da fare in cucina utilizzare moltissimi condimenti differenti per risultare sempre gustosa. Tuttavia non sempre se si decide di scegliere la pasta come alimento si opta per il piatto più semplice. Sicuramente non è un piatto particolarmente complicato, eppure ci sono degli elementi che è molto importante rispettare per essere sicuri di cucinare qualcosa di ben riuscito.

La preparazione e la scelta della pasta sembra apparentemente insignificante ma in realtà è molto importante sapere esattamente le tempistiche da seguire e anche che pasta utilizzare. Le regole da rispettare non sono moltissime ma sono fondamentali per poter dire di aver cucinato davvero un piatto ben riuscito.

Come scegliere la pasta in cucina

Sembra una assoluta banalità eppure non tutti i tipi di pasta sono ugualmente adatti allo stesso condimento. Ad esempio se abbiamo un tipo di condimento particolarmente liquido o cremoso l’ideale è utilizzare una tipologia di pasta lunga. Questa riesce a sfruttare al massimo il condimento amalgamando alla perfezione tutti gli ingredienti. Nel caso in cui, invece, il nostro condimento sia un ragù abbastanza sostanzioso, la pasta corta è di certo l’ideale. In questo modo si potranno sfruttare al massimo entrambe le caratteristiche di pasta e condimento.

E’ molto importante scegliere bene la tipologia di pasta per evitare di preparare un piatto che potrebbe essere perfetto ma a cui, invece, manca il tocco finale. In casa è dunque sempre bene tenere questi due differenti tipologie di pasta per ogni evenienza e per essere sempre pronti per un piatto semplice e perfetto.

Altri errori da evitare

Un altro errore da evitare in cucina riguarda il quantitativo d’acqua.

E’ importante che si metta a bollire sul fuoco almeno un litro d’acqua ogni cento grammi di pasta. E’ molto importante per far si che la pasta sia omogenea e che ogni pezzetto assorba lo stesso quantitativo d’acqua. Eccedere con l’acqua può far perdere troppo tempo ed essere parsimoniosi può creare problemi alla cottura. Per una cottura uniforme è importante rispettare i quantitativi.

Quando si scola la pasta solitamente si elimina tutta l’acqua di cottura ma questo non è affatto corretto. L’acqua di cottura è fondamentale per poter terminare la cottura della pasta scolata al dente amalgamandola con il condimento. Non è necessario un grande quantitativo d’acqua, anche perché altrimenti salterebbe fuori un pasticcio. Sono necessari giusto un paio di cucchiai d’acqua per poter amalgamare pasta e condimento e in qualche modo terminare la cottura.

Talvolta si pensa che l’acqua di cottura vada conservata solo per alcune tipologie di piatti specifici ma non è così. Anche nel caso di una semplice pasta al sugo conservare un pochino d’acqua è sempre l’ideale. Qualunque tipologia di sugo si abbia a disposizione di certo terminare la cottura con un piccolo quantitativo d’acqua della stessa è la soluzione migliore per un piatto davvero perfetto.

Spesso si pensa che i piatti apparentemente semplici non nascondano nessuna insidia ma non è così. Se si vuole cucinare un piatto semplice ma perfetto occorre seguire qualche semplice regola che vi farà apparire un vero chef.