Nonostante sia una delle corse più amate, anche quest’anno la Dakar ha mietuto una vittima. A pagare il prezzo più alto per questa traversata è stato Paolo Gonçalves, pilota portoghese morto in seguito ad una caduta. Il pilota è purtroppo caduto rovinosamente dalla sua moto e per lui non c’è stato nulla da fare. I soccorsi hanno impiegato un pò di tempo per arrivare sul luogo dell’incidente, ma per il pilota non c’era più nulla da fare. Sconvolti gli altri piloti in gara dopo l’accaduto.

Tragedia nella Dakar

Purtroppo quella avvenuta è solo l‘ennesima tragedia che questa competizione porta con se. Molti sono coloro che purtroppo, negli anni, hanno perso la vita durante questa competizione, tanto dura quanto ambita. La Dakar è una traversata che mette a dura prova gli atleti che la fanno, ma che sa dare brividi come nessun’altra competizione al mondo.

Purtroppo si spera sempre che non ci siano vittime, ma anche quest’anno il bollettino è davvero pesante. A farne le spese più importanti è stato Paolo Gonçalves, il pilota portoghese alla guida della sua moto. Moto che non è più riuscito a tenere in un tratto della traversata e con cui è caduto rovinosamente. Fin da subito le condizioni sono apparse disperate e le speranze di salvarlo praticamente nulle.

A rimanere molto scossi e a raccontare la tragedia sono stati gli altri piloti come Andrea Schiumarini, che ha raccontato i minuti subito successivi alla tragedia con grandissima angoscia.

Il racconto di Schiumarini

“Sono cose di cui non vorremmo mai sentire parlare ed invece, al chilometro 273 abbiamo visto che era accaduto qualcosa di brutto e c’erano 3 moto, una era molto rovinata”. Queste sono le parole del pilota Andrea Schiumarini di ciò che è accaduto nella giornata di ieri. Sia lui che il compagno di avventura, Enrico Gaspari, sono rimasti molto sconvolti da questo avvenimento.

Purtroppo fin da subito anche a loro era chiaro che fosse successo qualcosa di davvero grave, ma non pensando mai al peggio. Entrambi, infatti, confermano che questa avventura è tanto fantastica, quanto molto provante. Si sa che i rischi sono davvero alti, ma non si pensa mai al peggio. Il tratto da percorrere quel giorno, inoltre, era particolarmente impegnativo nonchè il più lungo in questa edizione.

Il tratto di strada era in parte roccioso e in parte sabbioso e questo ha creato on pochi problemi ai piloti. In particolar modo al team italiano che ha dovuto affrontare problemi tecnici imprevisti che li hanno messi a dura prova durante la giornata. Giornata che si è chiusa con molti problemi ma soprattutto con questo triste bilancio. Un bilancio nero che la Dakar tende a portarsi continuamente dietro ma che, nonostante tutto, la rende una delle corse più amate.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]