Sono passati ben 20 giorni dalla votazione in America e circa 15 giorni dalla proclamazione della vittoria di Joe Biden, eppure solo oggi Donald Trump ha annunciato di aver dato il via libera alla transizione di potere. L’attuale Presidente degli Stati Uniti d’America ha annunciato su Twitter di aver dato il consenso per la transizione, ma non accetta comunque la sconfitta. Per Trump il tutto sembra essere rimandato alle battaglie legali da cui è certo di uscirne vincitore.

Il via libera di Trump

Sembra che finalmente Donald Trump abbia capito la necessità di accettare la cessione del potere a Joe Biden. Biden ha vinto le elezioni americane dopo il voto del 3 novembre, ma molte sono state le contestazioni e la resistenza di Trump per presunti brogli elettorali. In questi giorni il Presidente USA ha più volte inveito contro il sistema di elezione e ha obbligato diversi stati al riconteggio dei voti. Riconteggio che ha poi sempre confermato Biden come vincitore.

La resistenza di Trump ha fatto temere il peggio per alcuni giorni, poichè l’insediamento del nuovo eletto non potesse avvenire in modo pacifico. Trump aveva chiaramente fatto capire che non avrebbe ceduto il posto a Biden, reo di aver “rubato” l’elezione e il posto di Presidente degli Stati Uniti. Tuttavia, dopo giorni di discussioni con i suoi consiglieri, Trump ha finalmente optato per una transizione pacifica del potere, pur non accettando formalmente la sconfitta.

L’incarico a Emily Murphy

“Nel miglior interesse del nostro Paese sto raccomandando che Emily e il suo team facciano ciò che è necessario fare in riferimento ai protocolli iniziali e ho detto al mio team di fare lo stesso”. Con queste parole il Presidente Trump ha annunciato che la transizione per il passaggio del potere a Joe Biden è iniziata.

Il Presidente ha detto di aver affidato ad Emily Murhpy, responsabile della General Services Administration, la gestione di tutti i protocolli riguardanti la transizione del potere. Tuttavia il Presidente uscente conferma di non accettare la sconfitta e che alla fine dimostrerà che il vero vincitore è in realtà lui.

Trump aggiunge inoltre che la Murphy è stata praticamente costretta ad iniziare l’avvio dei protocolli di transizione dai democratici. Aggiungendo “Questi ultimi infatti avrebbero fatto pressioni sulla Murphy, arrivando addirittura a minacciarla. Tuttavia è stata la stessa Murphy a negare l’accaduto. “Contrariamente a quanto riportato o insinuato dai media, la mia decisione non è stata presa per paura o faziosità”.

Che Donald Trump non volesse riconoscere la vittoria a Biden pur essendo costretto, è un dato di fatto Ammettere la sconfitta dopo tutte le battaglie e le insinuazioni fatte, senza dubbio è qualcosa di difficile da mandar giù. Tuttavia il prossimo Presidente degli Stati Uniti sarà Joe Biden e questo è un dato di fatto che l’attuale Presidente deve accettare.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]