In ogni appartamento l’illuminazione riveste un ruolo di primo piano: proprio per questo motivo deve essere selezionata con la massima attenzione. Un esempio di prodotto che può essere utilizzato a questo scopo va individuato nei faretti da incasso, che abbinano il meglio in termini di funzionalità e di praticità. Essi permettono di illuminare qualunque spazio in casa, sia esso di piccole o grandi dimensioni. Nella maggior parte dei casi i faretti di questo tipo sono destinati a essere installati nel controsoffitto, ma si può provvedere alla loro applicazione anche in un pannello di legno, in una mensola o in altre superfici.

Le caratteristiche dei faretti a incasso

Come il loro nome lascia intuire, i Faretti da incasso non occupano alcuno spazio in superficie, proprio perché sono a incasso: di conseguenza non ingombrano, e però al tempo stesso sono in grado di illuminare l’ambiente e gli angoli in cui vengono collocati. Sul mercato si possono trovare faretti di diverse tipologie, ed è importante sapere come orientarsi. La varietà di offerta fa sì che le esigenze più diverse possano essere soddisfatte.

Come scegliere i faretti giusti

È possibile optare per faretti realizzati in metallo, in acciaio o in gesso, mentre il formato può essere rotondo, rettangolare o quadrato. Ci sono, poi, i faretti per illuminare i pensili in cucina e il piano cottura, così come quelli a scomparsa, che riescono a illuminare l’ambiente pur essendo invisibili. Ancora, i faretti da incasso possono essere a luce fredda, a luce naturale o a luce calda; le tecnologie disponibili sono il neon, il led e l’alogeno. Come avviene per qualunque altro tipo di impianto di illuminazione, è indispensabile scegliere i faretti da incasso a seconda delle necessità che ci si propone di soddisfare e tenendo conto del contesto di installazione.

I faretti da incasso nei diversi ambienti della casa

In un angolo studio, in un soggiorno o in una cucina, è opportuno selezionare dei faretti a incasso che siano caratterizzati da luce fissa, così da poter beneficiare di zone interamente illuminate. La zona notte o il corridoio, invece, sono ambienti della casa in cui di solito vengono preferite delle luci più soffuse: in questo caso conviene ricorrere a faretti da incasso che siano caratterizzati da una luce direzionale. Tale accorgimento permette di mettere in evidenza unicamente alcuni punti dell’ambiente in cui i faretti verranno collocati: magari una parete in corridoio che ospita dei quadri di pregio.

Le caratteristiche della luce fredda

Sul mercato si possono trovare faretti da incasso a led o modelli a luce naturale che offrono la luce fredda e quella calda: la scelta dell’una o dell’altra soluzione deve essere effettuata tenendo conto anche degli ambienti in cui i faretti in questione verranno collocati. Per esempio, la luce fredda è ideale per i contesti che necessitano di molta luminosità, come per esempio il soggiorno o la cucina. Lo stesso dicasi per lo studio. Infatti è raccomandata la luce fredda in quegli ambienti in cui ci si deve concentrare evitando di affaticare più del dovuto la vista.

Quando scegliere la luce calda

Per quel che riguarda la luce calda, invece, essa è più soffusa: proprio per questo motivo è raccomandata nelle zone relax, quali il soggiorno (se si vuol evitare che sia eccessivamente illuminato) e la camera da letto. Anche in bagno è consigliata la luce calda, da collocare sul soffitto; invece sullo specchio si potrebbe mettere un faretto da incasso a luce fredda, che garantisce il giusto livello di luminosità – per esempio – per truccarsi o per rasarsi.

Cosa sapere prima di comprare

Prima di procedere all’acquisto di qualunque faretto a incasso, è necessario tenere conto di alcuni aspetti, come per esempio il materiale di composizione, la classe energetica, il tipo di luce e la sua angolazione, che può essere direzionale o diretta. Ovviamente non si può tralasciare l’aspetto estetico del faretto, il quale varia a seconda delle caratteristiche della protezione esterna. Stiamo parlando di un pezzo che può essere in acciaio cromato o satinato, ma anche colorato. Per quel che riguarda la parte interna del faretto, essa può essere realizzata in vetro o in cristallo: si è liberi di scegliere a seconda dei gusti personali.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]