Un umanesimo di concretezza che sa contribuire con una buona comunicazione alla costruzione del bene comune. Una sfida per il mondo dell’informazione che nell’epoca della forte polarizzazione deve riscoprire il suo ruolo positivo di apertura e dialogo per eliminare ogni forma di chiusura e isteria, consapevole del servizio e della dignità del giornalismo.

Questo sarà discusso domenica prossima, 8 maggio in Misericordia (Valderice, Trapani) nel corso di un incontro in occasione della 50 ° Giornata mondiale delle comunicazioni in questo straordinario Anno Santo sul tema “Comunicazione e misericordia, un incontro fruttuoso”.

L’incontro – un evento formativo accreditato dall’Ordine dei Giornalisti – si svolgerà alle 16.00 presso il Santuario della Misericordia di Valderice, l’unico della diocesi intitolato a Maria, Madre della Misericordia, in cui è stata inserita una “Porta Santa” aperto e sarà tenuto dal vescovo Pietro Maria Fragnelli.

Alcune brevi testimonianze racconteranno di piccole esperienze di “umanesimo concreto” e dell’impegno a promuovere il bene sociale e la cittadinanza consapevole. Sarà presente la giornalista Ornella Fulco che, insieme alla psicoterapeuta Fabrizia Sala, terrà un laboratorio di lettura e scrittura per i detenuti della casa del quartiere “San Giuliano”; Gino Gandolfo, coordinatore della campagna regionale “Let’s get involved” contro il gioco d’azzardo, una campagna alla quale hanno aderito alcuni giornali locali e suor Maria Goretti, fondatrice della fraternità “Serve del povero Gesù” che si prende cura dei più poveri di Trapani e che da alcuni mesi ha aperto una nuova comunità in Misericordia, vicino al Santuario.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]