Questo sarà un anno davvero molto importante per il mondo della cultura in Italia, cultura che così tanto ha sofferto e sta soffrendo per questa pandemia globale. È infatti arrivata la notizia che la Mostra Internazionale del Cinema di Venezia premierà con il Leone d’Oro alla carriera Roberto Benigni. Un ulteriore massimo riconoscimento per uno dei più grandi artisti italiani che ha conquistato moltissimi premi e riconoscimenti di grande importanza, tra cui anche il Premio Oscar.

A Benigni il Leone d’Oro

La 78esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia ha scelto Roberto Benigni per la consegna del Leone d’Oro alla carriera. E’ la Biennale di Venezia ad annunciare la decisione che è stata presa direttamente dal cda, raccogliendo in questo modo la proposta che arrivava direttamente da

Alberto Barbera ha spiegato le motivazioni della scelta con queste parole “Sin dai suoi esordi, avvenuti all’insegna di una ventata innovatrice e irrispettosa di regole e tradizioni Roberto Benigni si è imposto nel panorama dello spettacolo italiano come una figura di riferimento, senza precedenti e senza eguali”.  Aggiungendo anche “Alternando le sue apparizioni su palcoscenici teatrali, set cinematografici e studi televisivi con risultati di volta in volta sorprendenti, si è imposto in tutti in virtù della sua esuberanza e irruenza, della generosità con cui si concede al pubblico e della gioiosità appassionata che costituisce la cifra forse più originale delle sue creazioni”.

Un grandissimo riconoscimento che senza dubbio troverà un accordo unanime, visto il contributo artistico dato negli anni da Benigni in molti campi diversi. Oltre ad essere attore e regista, ha infatti attraversato l’Italia promuovendo la Divina Commedia di Dante Alighieri, il sommo vate.

La commozione del regista

Il commento di Roberto Benigni in merito al conferimento di questo importante premio non si è fatto attendere. “Il mio cuore è colmo di gioia e gratitudine. È un onore immenso ricevere un così alto riconoscimento verso il mio lavoro”, queste le prime parole del regista. Un onore davvero importante che merita di essere sottolineato e celebrato ancora di più in questo momento così triste per l’Italia e soprattutto per il mondo della cultura italiano.

Proprio in questi giorni si sta discutendo della riapertura in sicurezza di cinema e teatri ad un anno di distanza dall’inizio della pandemia e dalla chiusura forzata. E’ infatti importante far ripartire il settore della cultura in toto, uno dei settori più colpiti da questo Covid 19. Proprio oggi ci sarà l’incontro Stato-Regioni che proporrà di stilare un programma di riaperture già a partire da maggio per bar, ristoranti e per tutti i luoghi di cultura. Sperando che la pandemia, grazie anche e soprattutto alla campagna vaccinale, possa finalmente giungere al termine.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]