Se la campagna vaccinale è senza ombra di dubbio la modalità con cui uscire dalla pandemia, è importante che però ad essa venga affiancato un piano per le prossime riaperture. E’ molto importante che ci sia una buona programmazione sulle prossime riaperture e quindi che ci sia una visione in prospettiva di quello che si potrà fare a breve distanza. Nella conferenza stato-regioni che avrà luogo giovedì, ecco che verrà presentato un piano per le riaperture di bar, ristoranti, ma anche di attività come cinema, teatri e musei. La prospettiva è quella di riaprire già dal mese di maggio.

L’importanza delle riaperture

Se per contrastare la pandemia da covid-19 era importante chiudere, per evitare un contagio più importante è un conseguente collasso degli ospedali, è anche importante adesso pensare in prospettiva. Chiaramente la programmazione delle riaperture va basata sulla cautela e soprattutto sulla reale possibilità di avere la maggior parte delle persone vaccinate. Questo per poter riaprire in sicurezza ed evitare nuovamente una risalita nei contagi.

Le riaperture però sono molto importanti sia per il fattore economico, che per il fattore psicologico. Un anno di limitazioni forzate, non ha danneggiato solamente l’economia, ma è anche andato ad inficiare negativamente sulla psicologia delle persone. Questo oltre a andare a creare molti danni psicologici, rischia anche di far perdere di vista l’importanza reale di seguire sempre alcune precauzioni. Di conseguenza il rischio è che si abbassi la soglia di guardia e che le restrizioni non vengano più rispettate come dovrebbero.

L’incontro Stato-regioni

Giovedì sarà una giornata chiave per l’incontro stato-regioni perché verrà presentato un piano per la prossima riapertura già da maggio. Si parla della riapertura di bar e ristoranti non solo a pranzo ma anche a cena e di altre attività come musei, cinema o teatri. Questo piano prevede chiaramente, non solo una proposta di riapertura, ma spiega nel dettaglio come verranno riaperte tutte le attività e quindi i protocolli molto rigidi che esse dovranno seguire per evitare nuovamente il contagio.

L’importante in tutte le attività è che si mantengano il distanziamento, la mascherina e dove ci sia la possibilità, una buona areazione dei locali. Bar e ristoranti potranno essere in qualche modo agevolati e potendo magari aprire all’aperto, per limitare al massimo il rischio di contagio. Nel caso di cinema, teatri e musei è possibile pensare ad una riapertura contingentata e sempre mantenendo le norme di sicurezza. Dal momento che sono luoghi in cui è possibile controllare il numero delle persone presenti è possibile ridurre al minimo la possibilità di contagio.

E’ importantissimo che avvengano queste riaperture per far sì che l’economia possa tornare a rialzarsi.  Quest’anno circa 100.000 aziende hanno purtroppo chiuso e si stima che possano chiuderne anche il doppio. Di conseguenza è fondamentale che l’economia riprenda a girare e che le persone possano ritornare alla normalità.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]