Per la squadra di Luciano Spalletti è giunta l’ora di tornare in campo e cercare di essere piú in forze che mai per poter tornare ad essere competitivi al 100%.

Dopo la pausa era necessario poter tornare ad essere competitivi nonostante la squadra nom fosse stata messa nelle migliori condizioni anche per via dei pochi acquisti in calcio mercato che si spera possano riservare qualche sorpresa che possa da vero dare la svolta a questa stagione.

La squadra non viene stravolta e conferma Santon sulla sinistra e Cancelo sullo schieramento di destra. Per i nerazzurri era importante tornare ad avere un gioco efficace come a inizio campionato, che potesse portare risultati che negli ultimi anni non sono mai stati raggiunti e che potessero dare una svolta inaspettata ad un campionato ogni anno piú prevedibile e meno interessante da ogni punto di vista.

Al Meazza sará la volta di affrontare Di Francesco e la sua Roma che parte subito offensiva al massimo mettendo in crisi i nerazzurri.

La tattica di mantenere la squadra invariata e di non creare l’effetto sorpresa viene caramente pagata da Spalletti che giá dopo i primi minuti si trova a giocare sulla difensiva contro una Roma in forma e molto agguerrita.

Al 31° è El Shaarawy a sbloccare il risultato portando la Roma in vantaggio andando in contropiede e spiazzando un’Inter che fino a quel momento non aveva eccelso ma era stata sufficientemente in gioco.

La Roma ha saputo poi amministrare il vantaggio raggiunto mettendo in difficoltà i nerazzurri e chiudendogli il gioco. I nerazzurri sono ripartiti con molta fatica e non sono riusciti a rientrare completamente in gioco e riuscendo solo a pareggiare in extremis, rendendo vano il tentativo di riscatto delle ultime partite giocate sottotono e per nulla all’altezza della prima parte di campionato non è riuscito e la partenza è da rimandare sperando in risultati migliori e una squadra che possa tornare ad essere competitiva e concentrata.