Tutto il mondo sta continuando ad osservare la foto incredibile del buco nero scattata qualche ora fa. Contemporaneamente però, c’è un giallo che ha avvolto il pianeta Marte e che attanaglia gli scienziati di tutto il mondo. La sonda Exomars, rispetto ad altre sonde precedentemente inviate, sembra non aver trovato nessuna traccia di metano sul pianeta, cosa effettivamente curiosa. Su Marte era stato infatti trovato gas metano nell’atmosfera e sembra dunque strano non vederne alcuna traccia. Tuttavia sembra non esserci assolutamente traccia di questo idrocarburo gassoso che sembra essersi trasformato in vapore acqueo.

Il dilemma del metano su Marte

Gli scienziati non riescono ancora a darsi delle spiegazioni di questo, poiché il metano sembra assolutamente sparito dalla rotta. Tuttavia trovano molto strano questo, poiché il gas metano era proprio stato trovato da un’ altra sonda, Curiosity, inviata della NASA. Oltre alla sonda della NASA, anche un’altra sonda Europea aveva dato segnali della presenza dell’ idrocarburo sul pianeta, la MarteExpress.

Al contrario, la sonda Exomars, sembra non aver trovato nessun idrocarburo gassoso; al suo posto ha invece trovato questo vapore acqueo all’interno dell’atmosfera del pianeta rosso. Questi sono risultati molto strani su cui si stanno interrogando gli scienziati. e su cui ancora non si ha avuto risposta.

Le ipotesi degli scienziati

Naturalmente le ipotesi più bizzarre hanno iniziato a farsi sentire e c’è chi potizza che possano essere i marziani ad aver è convertito questo metano in vapor d’acqua. Con marziani si intende ovviamente una qualche forma di vita in grado di riconvertire questo idrocarburo, o comunque di utilizzarlo e quindi una forma di vita anche vegetale e non solo animale. Tuttavia nonostante questa spiegazione possa essere di certo esotica e invogliare moltissimi a fare viaggi davvero incredibili con la mente, il metano scomparso è di certo imputabile ad altro.

Gli esperti considerano questa differenza di dati arrivati sulla presenza di metano, come non reale ma solamente apparente. Questo avviene perché l’atmosfera del pianeta Marte è molto particolare e normalmente non si rileva questo idrocarburo all’interno di essa. I dati della Sonda Mars Express, in particolar modo, su cui ci si basa lo hanno rilevato solamente una volta e dunque forse non sono così attendibili.

È molto importante anche dove viene fatto il rilievo e quindi da dove provengono i dati, da che parte del pianeta vengono rilevati e da quale parte dell’atmosfera. È probabile che esista un qualche processo di qualche tipo in grado di eliminare dall’atmosfera di Marte le particelle di metano; Processo che in qualche modo è in grado di convertirle in altro. Tuttavia bisogna anche confrontare i dati. E’ necessario vedere che i rilievi siano coerenti tra di loro per poter fare un paragon e quindi per arrivare davvero ad avere un riscontro oggettivo che possa portare a una soluzione.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]