Di certo quasi il 100% di noi ogni giorno apre una schermata web di Google. Google cambia la sua scritta in onore della giornata in cui ci si trova per commemorare qualcuno o qualcosa di particolare. In particolar modo, nella giornata di oggi Google ricorda a tutto il mondo i 100 anni dalla nascita del Movimento tedesco del Bauhaus.

La nascita del Bauhaus

Oggi, infatti, è il compleanno di questo movimento artistico che nacque proprio del 1919 in Germania e che ebbe inizialmente una grandissima espansione, ma che durò davvero pochissimo tempo. Tuttavia è appunto molto curioso il fatto di celebrarlo come movimento così importante influente nonostante la sua brevissima durata.

Il Bauhaus nacque particolar modo a Weimar e il nome iniziale in realtà era Staatlitches Bauhaus. Questo movimento artistico segnava completamente la rottura rispetto a tutto ciò che c’era stato fino a quel momento e che per questo motivo ha davvero influenzato molto l’arte contemporanea e moderna.

Staatlitches Bauhaus era il luogo fisico di nascita del Bauhaus, che però rimase aperto solamente per un arco di tempo di nemmeno 15 anni. In seguito infatti, questo istituto artistico, spostò la sua attività in differenti sedi, fino ad arrivare a Berlino il modo definitivo.

La nascita dell’artista-artigiano

Chi portò questo movimento alla ribalta fu Walter Gropius, architetto, che definì l’arte non come era stata definita fino a quel momento, concepita come  differenza tra artista e artigiano. Poi nominato direttore proprio dell’Istituto a Weimar  diede il nome Bauhaus a questo movimento di sua invenzione che univa arte e artigianato.

L’idea fondante principale di Gropius era proprio quella di dare all’artista un’altra forma e creare questa sorta di ibrido artigiano-artista che potesse unire criticità, quindi la bellezza artistica, alla praticità. L’artista era visto come qualcuno che aveva non solo il diritto, ma anche e soprattutto il dovere di rendersi utile alla collettività. Per farlo egli doveva essere di certo artista amante della bellezza, ma anche e soprattutto artigiano. Egli doveva lavorare per rendere la vita più semplice alle persone.

Il concetto principale era l’interdisciplinarietà e quindi l’obiettivo era quello di creare degli oggetti unendo più discipline; discipline che quindi potessero unire il bello all’utile, quello che sarebbe stato il futuro. In particolar modo è proprio Gropius si è concentrato sull’architettura poichè lui stesso era architetto e quindi immaginava l’edificio del futuro.

Questo movimento era soprattutto differente rispetto a tutto ciò che c’è stato in quel momento; tuttavia il Bauhaus non riuscì a trovare il vero proprio collocamento e quindi ad entrare nella vita quotidiana.

Il suo merito è stato più che altro quello di creare qualcosa sicuramente di nuovo di diverso, di rottura e di cambiare un po’ l’idea dell’artista, della sua immagine e del suo dovere. Per questo motivo nonostante il suo breve periodo di vita e di attività ricordiamo come uno dei movimenti più importanti del nostro secolo.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]