Oggi non è solamente San Martino, ma è un giorno molto particolare per tutti gli astronomi e gli amanti dell’astronomia. Proprio oggi, infatti, il pianeta Mercurio passerà davanti al sole, un evento unico e curioso per cui vale la pena prendersi qualche minuto per osservarlo al meglio. Il culmine del suo passaggio sta avvenendo proprio in queste ore e quindi è necessario alzare gli occhi al cielo il prima possibile.

Il passaggio di Mercurio davanti al sole

Non è un evento che capita spesso, ma oggi è possibile osservare il più piccolo pianeta del sistema solare passare di fronte al sole attraversando il cielo. Questo fenomeno sarà visibile a partire dalle 13.40, circa. Il massimo picco raggiunto, in cui il pianeta oscurerà il sole, avverrà intorno alle 16.19, ora locale.

Questo fenomeno, tuttavia, sarà visibile fino al tramonto, anche se non sarà più al massimo della sua opposizione al sole. L’unica Difficoltà, purtroppo non remota vista la stagione, sarà data dal tempo. Su molte regioni, infatti, è previsto maltempo e dunque sarà praticamente impossibile osservare il passaggio di Mercurio.

Anche nel caso in cui non piovesse, ma ci fossero comunque molte nubi, sarà molto complicato osservare il fenomeno. Il momento in cui di certo si avranno più possibilità per farlo è durante il pomeriggio, al culmine del passaggio.  Molti sono coloro che sperano di osservare questo passaggio che non si verifica da tre anni e che non sarà più osservabile fino al 2032.

Precauzioni per l’osservazione

Tutti coloro che volessero osservare il passaggio di Mercurio davanti al sole, devono farlo munendosi delle apposite protezioni. Come moltissimi fenomeni astronomici osservabili, anche questa sorta di “eclissi” deve essere osservata utilizzando le apposite lenti di protezione per gli occhi. Durante l’esposizione, se non si usufruisce di un binocolo o di lenti protettive, si potrebbe subire un danneggiamento a causa della luce emessa.

L’osservazione di un’eclissi senza protezione è molto pericolosa. In tutti i casi, quando si osserva il sole, è sempre meglio farlo con lenti adeguate scure che proteggano l’occhio da questi raggi UV molto forti. Non bisogna farsi fuorviare dal maltempo o da qualche nube passeggera, poiché l’osservazione, se non protetta da lenti, è pericolosa anche in queste occasioni.

Mercurio è il pianeta più piccolo del sistema solare e anche quello più prossimo al sole. La temperatura sul pianeta Mercurio è altissima e per questo è un pianeta inospitale. Solamente Venere è più caldo di Mercurio perché, nonostante non sia più vicino di lui al sole, le nubi attorno ad esso creano un effetto serra che innalza la temperatura.

Un giorno solare, sul pianeta Mercurio, dura ben due anni. La sua grande vicinanza con il sole, che sfiora circa i 58 milioni di km, permette a Marcurio di avere la rotazione e la rivoluzione sincronizzata per alcuni periodi. La rotazione del pianeta avviene attorno al proprio asse, mentre la rivoluzione avviene attorno al Sole.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]