A sei mesi di distanza dall’incidente d’auto che ha coinvolto il cantante Michele Bravi in cui una donna ha perso la vita, ecco che la procura di Milano ha concluso le indagini. Dopo mesi di rilievi e attente valutazioni la procura di Milano ha notificato al cantante l’accusa di omicidio stradale. Dalle indagini fatte e dagli indizi raccolti sembra infatti che per Bravi questa sia la sola accusa possibile.

L’incidente mortale

Bravi era stato coinvolto nell’autunno scorso in un incidente stradale in cui una donna aveva perso la vita. Bravi era alla guida di un auto BMW noleggiata con il Car Sharing quando, a causa di una manovra azzardata, ha travolto e ucciso una donna in sella alla sua moto. Il cantante aveva svoltato con l’auto facendo inversione travolgendo una donna di 58 anni che è morta nell’impatto.. Bravi ha fatto la manovra senza accorgersi che dalla parte opposta della carreggiata stava arrivando una donna con il suo motorino.

Il cantante si era subito fermato per prestare soccorso alla donna di 58 anni. Tuttavia per lei non c’è stato nulla da fare nemmeno con l’intervento tempestivo dei soccorsi. Bravi era stato poi sottoposto delle forze dell’ordine all’alcoltest e a tutti gli altri test tossicologici che però erano risultati tutti negativi. Bravi si è detto assolutamente sconvolto del fatto e aveva, tramite il suo legale, anche annullato tutti gli impegni che lo vedevano protagonista attendendo un riscontro dalla Procura di Milano.

L’accusa di Michele Bravi

Il riscontro è arrivato proprio in questi giorni e dalle valutazioni fatte dalle forze dell’ordine, Bravi verrà sottoposto al processo per omicidio stradale. Bravi potrà decidere di difendersi tramite il suo legale e quindi di sottoporsi anche all’interrogatorio. L’omicidio stradale prevede come pena la reclusione da 2 a 4 anni.

Michele Bravi è un cantante conosciuto per essere il vincitore della settima edizione di X Factor. Egli però era riuscito a rilanciarsi a Sanremo negli anni scorsi ottenendo anche un buon successo e tornando alla ribalta. Moltissimi infatti erano gli impegni a cui Michele Bravi stava andando incontro e aveva programmato prima di questo tragico incidente. Purtroppo, nonostante il ragazzo abbia mostrato buona fede e si sia fermato immediatamente a soccorrere la vittima e abbiamo annullato tutti gli impegni, questa manovra davvero gli può costare moltissimo.

Egli deve ancora sottoporsi al processo e testimoniare e quindi è necessario fare ancora tutte le dovute valutazioni. Dal momento che però in ogni caso una persona ha perso la vita è necessario che la giustizia faccia il suo corso. Nei prossimi giorni mesi Michele Bravi deciderà come comportarsi anche affiancato soprattutto dal suo legale. egli saprà come consigliarlo al meglio per affrontare questa terribile vicenda. I fan, nonostante tutto, gli sono vicini. Tutti immaginano la difficoltà che questo giovane ragazzo di 24 anni sta incontrando nella sua vita e il peso di certo che dovrà portare con sé per sempre.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 1 Average: 5]