Le frontiere della scienza vengono man mano rese sempre più sottili e in alcuni casi vengono completamente abbattute. Negli anni sono stati fatti passi da gigante da ogni punto di vista. Tra le ultime invenzioni in ordine di tempo che davvero potrebbe fare la differenza è la riproduzione di un occhio umano. I ricercatori dell’Università della Pennsylvania hanno infatti lavorato alla creazione di un occhio umano 3D proprio per la sperimentazione medica.

La creazione dell’occhio artificiale 3D

Sembra davvero impossibile pensare ai progressi che negli anni ha fatto la medicina, eppure si è arrivati ad un punto veramente importante in cui addirittura si riescono a riprodurre degli organi umani. È il caso dell’università della Pennsylvania che ha divulgato proprio in questi giorni un articolo in cui spiega come è stato riprodotto grazie a delle cellule un vero e proprio occhio umano 3D.

La creazione è completamente fedele al nostro occhio, da ogni punto di vista. Grazie alle cellule della cornea e della congiuntiva, è stato riprodotto in toto l’occhio. Occhio che possiede tutte le sue funzioni ed è stato sottoposto anche a delle problematiche per vedere l’effettiva reazione. Si è infatti valutato la possibilità di far sbattere le palpebre a questo occhio per arrivare ad avere una reazione reale.

L’occhio è stato anche sottoposto ad alcune problematiche patologiche, come ad esempio la sindrome dell’occhio secco. Questo proprio per riuscire a capire l’eventuale attività dei farmaci.

La sperimentazione farmacologica

Gli aspetti positivi di queste sperimentazioni sono fondamentalmente due. In primis la possibilità di riprodurre un organo umano da un lato. Dall’altro, invece, la possibilità di vedere come esso si comporta una volta sottoposto ad una malattia.

Ciò che infatti è davvero importante, è cercare di indagare il comportamento di un organo qualora fosse affetto da una patologia per trovare il metodo per curarlo. L’idea infatti di creare un organo artificiale per rimpiazzarne uno malato del nostro corpo, è vista come la soluzione estrema. Ciò che davvero è importante, è cercare prima di curare il nostro corpo così com’è.

È molto complicato riprodurre degli organi umani perché pluricellulari e quindi è necessaria l’unione di più tipologie di cellule per riuscire a riprodurre completamente un organo; In particolar modo anche uno così complicato come l’occhio formato da più parti. Tuttavia queste frontiere della scienza vengono abbattute sempre più rapidamente. Per questo gli studi proseguono per la creazione di organi che possono rimpiazzare quelli di chi purtroppo è già affetto da una patologia non curabile.

In seguito agli studi, sará possibile riuscire a curare coloro che si ammaleranno e per cui quindi non sarà necessario il trapianto.
Questo è un progetto decisamente molto ambizioso che verrà portato avanti, ma sicuramente non è l’unico che potrà aiutarci per migliorare la nostra condizione di vita.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]