Il caldo in estate può diventare davvero insopportabile. In questo caso, si ha davvero la necessità di un apparecchio che rinfreschi l’aria. Ed è proprio in questo periodo che è possibile approfittare delle tante offerte sui condizionatori presenti sul mercato. In questo modo l’ambiente sarà più fresco e vivibile, tanto da permettere anche di riposare bene durante la notte senza dover patire l’afa. Il condizionatore (se è inverter) è, inoltre, in grado di modificare la potenza erogata in base alla temperatura dell’ambiente da dover raffreddare, riducendo così il consumo energetico. Ciò significa, quindi, avere l’atmosfera perfetta per rilassarsi, a costi ridotti.

Condizionatore fisso o portatile, quale conviene?

Prima di acquistarne uno, è bene capire se si sta cercando un condizionatore fisso o uno portatile. Per comprendere quale sia la differenza, basta pensare che quello portatile è, per definizione, facilmente trasportabile ovunque, è più compatto ed è munito di rotelle proprio per facilitare la mobilità da una stanza all’altra. Per usarlo basta solo una presa di corrente, quindi nessun lavoro di muratura o installazione di impianti. Bisogna solo tener conto che con il condizionatore portatile si può raffreddare solo una stanza alla volta. Inoltre, dato che tendenzialmente questo tipo di condizionatori espellono l’aria calda all’esterno tramite un tubo flessibile, è importante posizionarli vicino a una finestra così da tenerla aperta quando necessaria. Anche se la soluzione migliore, in verità, è di far passare il tubo in un foro della finestra così da evitare che ci sia una dispersione di aria fredda fuori. Probabilmente può non essere ritenuto bello da vedere a livello estetico, ma non necessita di costi di installazione. Il condizionatore fisso, invece, è costituito da un’unità interna per la refrigerazione dell’ambiente e di un motore esterno che la alimenta. Pertanto in tal caso dovrai considerare di dover chiamare un tecnico per l’installazione. A livello di rumorosità, però, il condizionatore fisso è molto silenzioso e quindi ideale per il riposo notturno.

Condizionatori fissi, inverter o on -off

Nel caso si optasse per un condizionatore fisso si dovrà anche valutare se prenderne uno con tecnologia inverter o on-off. Ovvero, nel primo caso la regolazione della temperatura interna è costante, per cui il condizionatore inverter permette di avere aria fredda alla massima potenza sin dall’accensione e poi la potenza diminuisce gradualmente per mantenere stabile la temperatura raggiunta restando sempre acceso. I condizionatori on-off, invece, sono quelli che si spengono quando si raggiunge la temperatura desiderata e ripartono in caso di variazione dei gradi interni. Ciò comporta che se da una parte ci sia un’ottimizzazione dei costi iniziali, essendo un apparecchio più economico, ci possono essere poi dei costi più alti in caso di sbalzo termico, dato che il consumo sarebbe maggiore. Tendenzialmente, quindi, si può avere un maggior risparmio in bolletta, scegliendo un condizionatore inverter, specie quando viene utilizzato per molto tempo. Poi naturalmente si dovrà anche tener conto di quante stanze si debbano refrigerare, del budget che si ha a disposizione e della potenza massima che si vuole abbia l’apparecchio. Insomma, sicuramente prima di acquistare uno si devono fare tutte le valutazioni necessarie, partendo in primis dalle proprie abitudini. In altre parole, la scelta del tipo di condizionatore è strettamente legata prima di tutto alla frequenza di utilizzo dell’apparecchio.

Ora che è meglio chiara la differenza tra i vari tipi di condizionatori, come funzionano quello fisso e quello portatile, è bene fare tutte le considerazioni necessarie prima di decidere quale comprare. Se si hanno dubbi è sempre meglio rivolgersi a specialisti del settore, che possano così guidare nella scelta con consigli o maggiori informazioni su ogni prodotto e sul relativo costo.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]