In molti cercano di guadagnare con il trading online, e farlo è possibile, se ci si rivolge ai broker giusti, che possano informare l’interessato di tutti i rischi, e grazie all’utilizzo delle piattaforme migliori.

Nell’ultimo periodo si sono presentate nel mercato moltissime piattaforme, alcune molto serie ed affidabili, altre di dubbia qualità. Per chiunque voglia investire i propri risparmi nel trading online, è bene, comunque, assicurarsi che siano affidabili; per questo motivo, vediamo di seguito tutti i dettagli su queste piattaforme, scoprendo quali sono le migliori in circolazione e quelle che si affermeranno nel 2018.

Quali sono le piattaforme migliori di sempre?

Per verificare che le piattaforme siano sicure, si deve controllare se sono presenti nel registro del CONSOB (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa). Dopo aver effettuato le dovute verifiche, cerchiamo di redigere una classifica delle migliori piattaforme di trading online. In base ai dati del 2017, a nostro avviso, queste sono le quattro migliori:

  • Plus 500, la cui piattaforma è semplice da utilizzare. Il suo deposito minimo è di cento euro e la sua leva massima e di 1:300;
  • eToro, uno dei più noti broker internazionali e social trading di investimento, la cui piattaforma è semplice da usare e offre agli investitori vari corsi di formazione. Per iniziare, anche qui è possibile depositare una cifra minima di cento euro, e le sue leve possono variare da 1:2 a 1:400;
  • com, offre tre tipologie di conti (classico, standard e premium), e come per gli altri si può lasciare un deposito minimo di cento euro, ed è possibile effettuare dei prelievi solo tramite un conto bancario;
  • xTrade, che offre delle possibilità di investimento in azioni internazionali, ed opera su diversi mercati. Anche qui, il capitale minimo di deposito è di cento euro che, con una leva di 400:1, può arrivare alla cifra di 40000 euro.

Una buona parte di queste piattaforme investe in mercati, azioni e materie prime, e i prelievi possono essere effettuati tramite bonifici bancari, conto Paypal, carte di credito, etc.

Queste piattaforme, riescono ad alzare anche una cifra minima, come i cento euro di deposito sopracitati, grazie al Forex, un mercato globale decentralizzato, ed ha un alto tasso di liquidità giornaliero. Per investire in questo mercato, bisogna capire bene come funziona la piattaforma a cui ci si iscrive, senza lasciarsi influenzare da fattori esterni e, come per ogni investimento, cercare di avere pazienza e non farsi prendere dall’emotività.

Quali sono le migliori piattaforme di trading online del 2018?

Secondo alcune stime, tra le dieci migliori piattaforme per trading online dell’anno 2018, oltre a quelle già citate nel paragrafo precedente, si possono elencare:

  • com, il cui deposito minimo è di 250 euro, ed è un broker italiano autorizzato ad operare sulle opzioni binarie (de prodotti finanziari derivati, con i quali è possibile speculare sui mercati finanziari);
  • iq option, sul quale è possibile selezionare l’asset basandosi sulla sua scadenza, che può essere classica, binario (dai quindici minuti in poi) o turbo (fino a quandici minuti), investendo un importo minimo, dopo aver tenuto conto del grado di rischio dell’operazione;
  • BDSwiss, un broker online con sede legale a Cipro, che permette di investire tramite opzioni binarie un deposito minimo di cento euro.

In base a cosa sceglierle?

Le piattaforme riportate in questa pagina, sono solo alcune tra le migliori piattaforme per trading di quelle che si possono trovare. Per scegliere quella più adatta è importante tenere conto, non solo del capitale che si è disposti ad investire, ma anche delle proprie necessità, senza optare, obbligatoriamente, per quella che sembra la più forte.

Tra i fattori da considerare c’è la facilità d’uso, e per essere sicuri che sia semplice da usare, basta vedere se si riesce a capire come funziona nel giro di un’ora. Si deve tenere presente che non tutte le piattaforme sono gratuite.

Le loro caratteristiche più avanzate, devono comprendere:

  • il trading automatico;
  • allarmi se si verificano delle determinate condizioni;
  • un trading simulato;
  • la creazioni di indicatori personalizzati;
  • un backtest per verificare strategie precedenti.

E’ bene scegliere anche delle piattaforme che offrano dell’app, in modo da investire e verificare i guadagni anche tramite smartphone o tablet.