Il push press è un allenamento funzionale che sviluppa la forza della parte superiore del corpo, usando il bilanciere. Ma chi può fare questo tipo di allenamento? Come si svolge? Quali sono i suoi vantaggi e svantaggi?

Come funziona e quali muscoli coinvolge

Il push press è un esercizio che coinvolge tricipiti, quadricipiti, trapezi, addominali ed erettori spinali. In generale, può farlo chiunque, ma è bene valutare con il proprio personal trainer se è il caso di inserirlo nel proprio programma di allenamento.

Somiglia al military press, ma a differenza di quest’ultimo le mani non devono chiudersi completamente, permettendo cosi di riuscire a mettere i gomiti in avanti. Si comincia mettendo i piedi ad una distanza simile a quelle delle spalle, impugnando il bilanciere con la punta delle ditta, rivolgendo i gomiti in avanti. Si appoggia, poi, il bilanciere nella parte anteriore delle spalle, abbassandosi in uno squat profondo, premendo sopra i talloni. Si guida il bilanciere sopra la testa, mantenendo le braccia dritte, facendo in modo che l’attrezzo stia dietro le orecchie. Il bilanciere si abbassa fino al petto e l’arco neutro dovrebbe mantenere nella posizione giusta della colonna vertebrale, per tutta la durata del movimento.

E’ ovvio che questo è il genere di esercizio che non può essere seguito in caso, non senza una guida o se non si ha abbastanza esperienza in allenamenti di questo genere, soprattutto quando si tratta di capire qual e il peso giusto da sollevare. Non è un allenamento semplice da eseguire, ma se svolto correttamente, può sviluppare i muscoli della braccia.

Alcuni consigli

Per fare questo esercizio correttamente, ci sono alcuni consigli che bisogna seguire, ovvero:

  • contrarre i glutei, perché devono sostenere la parte superiore del corpo, e contrarli più giovare alla zona lombare;
  • contrarre la cinta addominale, che permette di trasferire maggior forza nella parte superiore del corpo;
  • sporgere la testa in avanti, anche se, quando si alza il bilanciare, viene spontaneo fare l’opposto, ma dopo che esso passa sopra la testa, prima di posizionarlo sulle spalle, è necessario muovere la testa in avanti;
  • fare attenzione alle posizioni dei polsi, che devono essere ben allineati con le braccia, in modo da evitare infortuni;
  • tenere i gomiti bassi, in modo che rimangano vicini al corpo e allineati sotto al bilanciere, in modo da avere una spinta e una leva maggiore e mantenere corretta la propria posizione;
  • non darsi lo slancio e poi piegare le gambe quando si solleva il bilanciere, per facilitare la salita ma estendere le gambe per spingerle e bloccarle in chiusura;
  • tenere i piedi in posizione simmetrica, facendo attenzione a non divaricare le gambe.
Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]