La minaccia, questa volta, sembra arrivare direttamente dal cielo ma non si tratta di alieni.

A minacciare una caduta imminente sulla terra questa volta è una stazione spaziale cinese che sembra avere come obiettivo proprio l’Italia.

Cosa sta succedendo nello spazio

La stazione spaziale cinese Tiangog 1, in orbita dal 2011, ha perso il controllo da circa 2 anni e pare che ora stia precipitando.

Secondo gli ultimi aggiornamenti spaziali, infatti, pare che nei prossimi giorni la stazione spaziale andrà in pezzi e che essi precipiteranno sulla terra.

E’ probabile che questo avvenga nelle giornate di Pasqua e che il luogo in cui precipiterà sarà proprio l’Italia.

Pare che le dirette interessate saranno le regioni del sud Italia anche se di preciso non si sa ne data ne luogo dell’impatto.

La Protezione Civile si è già prontamente attivata per prepararsi all’eventuale collisione.

Quali potrebbero essere le conseguenze

La stazione spaziale Tiangong 1 è lunga 12 metri e ha un peso pari a 8.5 tonnellate ma, tuttavia, è impensabile che precipiti in queste condizioni sulla Terra.

Quello che ci si può aspettare sono solamente piccoli frammenti che hanno resistito all’impatto con l’atmosfera senza disintegrarsi.

La traiettoria più esatta potrà essere definita solamente circa 36 ore prima dell’impatto.

L’Agenzia Spaziale Italiana è già allertata e pronta per monitorare qualsiasi cambiamento o spostamento di rotta.

 

L’allarme è stato lanciato perché, ovviamente, è necessario che tutti gli organi di vigilanza competenti siano allertati ma non sembrano esserci pericoli per l’uomo.

I frammenti che dovrebbero raggiungere la Terra sono comunque piccoli e non dovrebbero causare alcun danno.

In ogni caso la caduta si pensa possa arrivare tra il 28 marzo e il 4 aprile e man mano che la stazione si avvicina alla Terra la situazione sarà più chiara.

Monitorando costantemente la situazione non dovrebbe esserci alcun tipo di problema per le regioni coinvolte e i loro abitanti.