Il protezionismo è una tipologia di politica economica protesa a salvaguardare le attività produttive nazionali con interventi economici statali che si contrappone alla politica libero-scambista che permette una libera concorrenza degli stati esteri.

Angela Merkel, quando parla delle ultime intenzioni politico-economiche del presidente Trump che vorrebbe tornare ad un commercio non libero ma controllato, le definisce come delle idee politiche retrograde e senza futuro. La cancelliera tedesca sostiene che è invece necessario adottare visioni più moderate ed avanguardistiche, piuttosto che così controproducenti per tutto il mercato internazionale.

La cooperazione ed il commercio libero devono continuare ad esistere e una nazione come gli Stati Uniti d’America non può pensare di avere lacune storiche tali da mettere in discussione anni di fatiche per arrivare ad un concreto ed efficiente multilateralismo.

Anche Gentiloni, dal canto suo, appoggia la posizione della Germania e crede che questo slancio protezionista contro la Cina non sia la risposta più adeguata ai problemi.

Affinchè possa esserci una crescita e un benessere è necessario che lo scambio sia libero e non ci siano contrapposizioni.

Salvaguardare il proprio paese e cercare di migliorare le condizioni economiche dello stesso è nell’intento di tutti i governi che tendono ad incrementare il proprio sviluppo economico, sviluppo economico che può esistere solo se esiste un libero scambio e un confronto in grado di portare sul mercato le eccellenze e che crei competitività positiva.

“Se si pensa che posizioni protezionistiche possano aiutare lo sviluppo economico mondiale ci si sbaglia. Serve libertà commerciale e libero mercato e non di protezionismo” replica Gentiloni a Trump facendo da asse a Berlino nella speranza che le lezioni di storia vengano ripassate per tempo per non tornare a prima della Grande Guerra che se ha avuto qualche merito è quello di aver abbattuto dei muri, seppur commerciali, tra le nazioni.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]