L’inverno sembrava realmente passato ma un ultimo colpo di coda sembra aver di nuovo fatto precipitare le temperature. Il bel tempo era arrivato la scorsa settimana su tutta la nostra penisola a scaldare l’aria sia al mare che in montagna. Moltissimi coloro che nel weekend scorso hanno deciso addirittura di azzardare il primo bagno di stagione al mare o al lago. Le temperature, però, dalla serata d ieri sono nuovamente scese a causa anche e soprattutto del fortissimo vento che si è abbattuto sulle regioni del nord. Particolari disagi in Piemonte e Lombardia, nel comasco.

Raffiche di vento sulla Pianura Padana

A partire dalla serata di ieri il nord ovest della nostra penisola è stato vittima di fortissime raffiche di vento. I disagi sono stati moltissimi per coloro che abitano in Piemonte e in Lombardia. Molte sono state le chiamate arrivate alle squadre dei Vigili del Fuoco delle diverse località proprio a causa dei danni fatti dal forte vento. Particolarmente colpita la zona del Comasco, con raffiche fortissime che hanno raggiunto anche i 120 km orari.

Danni nel Comasco a causa del vento

Le raffiche di vento nella serata di ieri hanno di gran lunga superato i 120 km orari. E’ stata soprattutto la zona nei dintorni di Como che ha subito i danni più ingenti. Qui sono state sradicate dal vento alcune piante e alcune strade sono state interrotte. In particolar modo, a causa della caduta di un albero, a Lurago d’Erba, due donne sono rimaste ferite.

L’albero è caduto sul marciapiede dove si trovavano le due donne che sono rimaste ferite, per fortuna in modo molto lieve. Anche molte strade sono state interrotte per questa tipologia di disagio e ancora ad ora sono impraticabili nelle frazioni più piccole. E’ stata inoltre interrotta la linea ferroviaria Milano-Chiasso, tra Como San Giovanni e Albate. A preoccupare non è solo la caduta di alberi ma anche di detriti trasportati dal vento che già vanno a depositarsi sulle linee ferroviarie.

Le raffiche di vento al momento sono leggermente calate e si sta facendo di tutto per ripristinare le strade ancora inagibili. Non è escluso che anche nelle prossime ore ci sia la possibilità di nuove e violente raffiche di vento e quindi l’allerta rimane alta. Al centro del mirino ci sono sempre e soprattutto le zone del nord ovest ma non è escluso che forti raffiche arrivino anche ad est.

La primavera è arrivata e le temperature non sono più rigide, ma di certo questo colpo di coda invernale ha abbassato di qualche grado le temperature percepite nel weekend. Bisognerà attendere ancora qualche settimana per poter dire davvero di essere in primavera e per poter percepire temperature più alte e abbandonare finalmente il vestiario invernale.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]