Purtroppo non arrivano buone notizie dal WWF sulla regione Sicilia. Qui ogni anno i volontari assistono alla schiusa delle uova delle tartarughe marine che poi prendono il largo. Lo spettacolo è davvero meravigliosamente suggestivo e molti sono i volontari e anche tantissimi coloro che vogliono assistere a questo evento. purtroppo però, quello giunto dalla regione Sicilia quest’anno, è invece un allarme. Il WWF ha infatti emanato dati allarmanti proprio sulla vita delle tartarughe marine che sarebbe a rischio a causa delle spiagge non sicure.

Allarme del WWF Sicilia

L’allarme arriva dalla Sicilia Nord Occidentale dove i volontari del WWF di questa divisione hanno ricevuto ben due segnalazioni di ritrovamenti di tartarughe marine della specie Caretta caretta morte. I due avvistamenti sono avvenuti nella stessa settimana su due spiagge differenti proprio della costa siciliana che da San Vito lo Capo porta fino a Cefalù, di cui è responsabile la divisione del WWF.

Il primo è stato un avvistamento di una femmina adulta che pesava ben più di 40 kg ritrovata sulla spiaggia di Alcamo Marina, non distante dalla località Casello di Trappeto. Il secondo esemplare, sempre di tartaruga marina della stessa specie, è stata invece ritrovata morta e in avanzato stato di decomposizione incagliato tra gli scogli.

Quest’ultimo ritrovato tra gli scogli è un esemplare maschio rimasto lì probabilmente per diverso tempo prima di essere ritrovato. La morte è stata presumibilmente provocata da un’onda anomala che ha scagliato l’animale contro le rocce non lasciandogli scampo. Le segnalazioni sono state confermate tramite un comunicato ufficiale dal WWF Sicilia Nord Occidentale.

Le cause della morte delle tartarughe

Il principale responsabile della morte di questi animali è l’uomo. Nella nota di spiegazione il WWF afferma come l’attività antropica influenza in modo pesantemente negativo il comportamento degli animali. La plastica viene ingerita, le reti catturano gli animali non lasciando loro scampo. Senza contare che molto spesso proprio le tartarughe si ritrovano incagliate nelle eliche delle imbarcazioni che tranciano le loro pinne provocandone la morte.

La cosa particolarmente grave è che le morti di questi animali, in particolar modo in questo periodo, fanno loro rischiare l’estinzione. Questo è il periodo di deposizione delle uova che, anch’esso, viene compromesso dall’attività dell’uomo. Le spiagge non sono sicure e non ci son moltissimi avvallamenti in cui gli animali possano deporre le uova senza rischi.

Questa è una cosa molto importante di cui tenere conto perché, così facendo, si arriverà davvero all’estinzione di questi poveri animali. E’ importante che l’uomo riduca la propria attività e soprattutto che inizi a salvaguardare l’ambiente. E’ fondamentale prendere provvedimenti fino a che si è in tempo. Molto importanti sono anche e soprattutto le segnalazioni. Allarmi preziosi che possono essere utilizzati per migliorare la salvaguardia degli animali e del loro ambiente.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]