Di tutte le questioni che questo governo sta affrontando di certo quella sulla questione migranti è la più spinosa e quella che più divide l’opinione pubblica. Già un mese fa la questione Aquarius aveva creato non pochi contrasti interni e la chiusura dei porti aveva creato una divisione all’interno del paese. Questa spaccatura, con il passare del tempo, non sembra affatto destinata a rimarginarsi.

L’opinione pubblica è completamente divisa tra chi è favorevole alla decisione di Matteo Salvini di chiudere i porti e chi invece è fermamente contrario. Il paese si è sempre mostrato tutto sommato abbastanza diviso sulle questioni di governo ma la spaccatura che si sta man mano formando sembra essere davvero importante e irreparabile.

Gli italiani sembrano aver deciso di non tollerare più alcune situazioni, che sia in un verso o nell’altro, e quindi si sono apertamente e fortemente schierati a favore o contro di questo governo. La questione razzismo è vista da due prospettive differenti. Tra chi accusa questo governo di essere deliberatamente razzista a chi, invece, sostiene che queste sono semplicemente misure necessarie per la risoluzione del problema immigrazione.

Il problema, già nella fase acuta da mesi, sta tornando prepotentemente alla ribalta proprio in queste ore sempre a causa della presenza della nave Acquarius, carica di migranti.

E’ di nuovo scontro per l’Acquarius

Il sindaco di Palermo si scaglia nuovamente contro la politica di Matteo Salvini accusandolo di fare una politica razzista a spese di donne e bambini. La polemica tra il sindaco Leoluca Orlando e il ministro dell’Interno Matteo Salvini non accenna a placarsi e si fa di ora in ora sempre più dura e restrittiva. Il sindaco di Palermo invita la nave a fermarsi presso le sue coste se fosse necessario e di non proseguire.

Secondo il sindaco Orlando quello di Salvini è un crimine che non va perseguito. Salvare i migranti in mare che rischiano di morire di stenti è un dovere per qualunque paese che voglia definirsi civile e il sindaco lo ha fortemente ribadito. Anche il sindaco De Magistris ha dichiarato di essere disposto ad accogliere nel suo porto i migranti in difficoltà e che non intende attenersi a questa politica razzista.

La situazione è spinosa e per nulla risolta. Che sia in questa occasione o nella prossima, lo scontro pare essere solo all’inizio. Matteo Salvini dal canto suo ribadisce la posizione;  afferma inoltre di voler imporre questa strategia anche e soprattutto per far si che l’Europa si faccia carico anche lei della situazione.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]