Alpinismo

L’alpinismo, e tutte le storie di uomini e montagna ad esso connesse, è stato candidato nelle speranza che possa diventare a far parte dei patrimoni immateriali dell’umanità tutelati dall’Unesco. La candidatura è stata raccolta lo scorso 26 marzo e nel 2019 si dovrebbe avere l’esito della valutazione da parte dell’Unesco.

Alpinismo

Francia, Italia e Svizzera unite per lo stesso obiettivo

Il progetto è stato presentato a Parigi, dove delegazioni di Italia, Francia e Svizzera hanno firmato il relativo dossier ed incontrato il Segretario Unesco che ha raccolto la candidatura. Courmayeur ed Il Museo Nazionale della Montagna di Torino (Italia), Caf e Chamonix (Francia) si sono uniti a svariati enti svizzeri per proporre questo progetto che- se accettato- farà dell’alpinismo un patrimonio immateriale tutelato. La notizia è stata ufficialmente comunicata dal Ministero dei Beni Culturali: il Ministero, attraverso l’Ufficio Unesco del Segretariato generale del Mibact, ha gestito la pratica a livello nazionale. Sul sito ufficiale del Ministero è possibile leggere una nota che ha spiegato l’operato del Ministero che, in questa specifica occasione, ha voluto perseguire politiche volte al dialogo internazionale.

L’alpinismo: un po’ di storia

Il Monte Bianco è stato riconosciuto come punto focale del progetto. Qui, in data 8 agosto 1786, l’alpinismo è nato come disciplina sportiva vera e propria. A quella data risale, infatti, la prima ascesa realizzata dal medico Michel Gabriel Paccard e dal cercatore di cristalli Jacques Balmat. A questa prima impresa, ben presto, ne seguirono altre e tra il 1800 ed il 1865 furono scalate tutte le vette più importanti delle Alpi, tra cui Monviso, Marmolada, Cervino e Monterosa. Nel 1857 iniziarono a nascere, poi, i primi club alpini (il primo fu l’Alpine Club, in Inghilterra). Il Novecento, per l’alpinismo, è stato un secolo di alterne vicende. Quel che è certo è che, a causa dei due conflitti mondiali (e soprattutto il secondo), l’alpinismo subì una grave battuta d’arresto dalla quale si dovette risollevare ed in qualche modo ricostruire fino a diventare quello che è oggi, passando attraverso grandi protagonisti quali Messner. L’alpinismo, ora, è una disciplina che guarda sempre più all’aspetto sportivo ed estremo della sfida.