Fine dell’anno triste per il mondo della letteratura e non solo. All’età di 79 anni se ne va lo scrittore israeliano Amos Oz, pilastro della letteratura mondiale che da sempre era a favore di una risoluzione pacifica fra gli stati di Israele e Palestina.

Chi era Amos Oz

Amos Oz, all’anagrafe Amos Klausner, nacque a Gerusalemme nel 1939. Oz è stato uno dei più importanti scrittori e saggisti del nostro tempo e autore di grandissimi romanzi come “Una storia di amore e di tenebra”. Oz è stato anche giornalista e soprattutto apprezzato docente di letteratura all’Università Ben Gurion del Negev.

Egli era anche uno dei sostenitori di una risoluzione pacifica del conflitto che coinvolge da sempre in una sanguinosa battaglia Israele e la Palestina. Questa posizione è stata presa dal celebre scrittore nel 1967, dagli albori di questo terribile conflitto proprio nella speranza che si arrivasse a breve ad una risoluzione.

Nel 2007 è stato insignito del “Premio Principe de Asturias de las Letras” oltre che del premio Fondazione Carical Grinzane per la sua grande importanza nell’ambito della cultura che ruota attorno al Mediterraneo. L’anno successivo, nel 2008, ha ricevuto dall’Università di Anversa, una laurea honoris causa. Sempre nello stesso hanno è risultato vincitore del Premio Internazionale Primo Levi e del premio Dan David. Per l’occasione della consegna del premio dedicato a Primo Levi, Amos Oz, si era recato a Genova.

Romanzi famosi

Il suo più celebre romanzo è “Una storia d’amore e di tenebra” dove Oz ha ripercorso la storia della sua famiglia. Il libro ripercorre tutte le vicende storiche che hanno portato alla nascita dello stato di Israele a partire dalla fine del dominio britannico. L’evento chiave della vita di Oz è stato il suicidio della madre da cui poi è scaturito il rapporto in aperto contrasto con il padre, forte sostenitore della destra ebraica. Per questo motivo lo scrittore decise di cambiare il suo cognome originario in “Oz” che nella lingua ebraica vuol proprio dire “forza”.

Oz muore nella giornata di oggi a Tel Aviv dopo una lunga malattia. Moltissimi sono coloro che hanno voluto rendere omaggio, anche solo con una parola. In particolar modo, Oz, condivideva  con gli scrittori David Grossman e Abraham Yehoshua proprio il movimento pacifista per il conflitto in Israele.

Per loro e per tutto il mondo Amos Oz non è solo lo scrittore, ma una delle più importanti voci che hanno animato il conflitto israeliano. Attraverso la sua storia abbiamo appreso la nascita di questo stato che da così tanto tempo è in guerra con la Palestina per i territori. Nessuno meglio di lui ha saputo spiegare da dentro cosa significhi essere israeliani e vivere questo conflitto. Di certo mancherà al mondo della letteratura ma anche a tutto il mondo.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]