L’aria che tira in Europa, dal punto di vista politico, ha avuto una nuova conferma.

Le potenze della destra stanno man mano recuperando terreno in tutti gli stati europei e la Svezia non ha fatto eccezione. Le elezioni che si sono svolte ieri, secondo i primi exit poll, mostrano una chiara tendenza che spira verso destra. I socialdemocratici di sinistra non sono stati superati ma sono stati raggiunti dalla destra dei partiti populisti. Il partito svedese di destra ha raggiunto il 18% dei consensi e nonostante non sia riuscito a strappare alla sinistra il governo, ha aumentato di 5 punti il suo consenso.

La situazione, in questo momento, è bilanciata e il governo di sinistra dovrà necessariamente tenere molto in considerazione questa ala di destra che ha preso più potere e importanza. E’ necessaria una fine collaborazione affinché sia possibile sostenere un governo. Le proposte della destra e soprattutto il suo sostegno saranno di certo fondamentali per poter varare le leggi. Una fetta così importante di cittadini ha scelto questo partito e i socialdemocratici dovranno farci i conti.

Soffia il vento di destra anche in Svezia

Quello che sicuramente salta agli occhi in questi pochi anni è di certo il fatto che la sinistra è in crisi.

Per chi pensasse ad una crisi della sinistra limitata solo al nostro paese si sbagli e di grosso. La crisi dei partiti di sinistra è chiara e diffusa a macchia d’olio in tutta Europa e la conferma è il voto svedese.

Sicuramente alcuni paesi, come la Svezia, rispetto all’Italia hanno un’organizzazione migliore e una qualità della vita forse migliore grazie anche ad un welfare che funziona ma, nonostante tutto, il vento dell’intolleranza e della paura soffia forte. Il partito antimmigrazione che inneggia all’intolleranza si sta facendo sempre più spazio anche qui.

I dati, già prevedibili, sono stati confermati dagli elettori svedesi alle urne che hanno scelto di dare fiducia a questa politica di intolleranza. Seppur la sinistra in qualche modo riesce a resistere e arginare il dilagante umore di destra, questo non è sufficiente. Con un partito di destra così forte, le scelte verranno di certo influenzate e sarà necessario tenere in considerazione le loro proposte.

Se questa sia una reazione a catena data anche dalla posizione di intolleranza e chiusura delle frontiere dell’Italia non è un dato certo, ma è probabile che una qualche influenza l’abbia avuta. I partiti populisti stanno rapidamente aumentando il loro consenso e sarà necessario fare i conti con un’Europa sempre più diversa.