La polizia californiana ha arrestato un ex agente di polizia per una famigerata serie i omicidi, stupri e furti compiuti negli anni ’70 ed ’80. La polizia ha infatti dichiarato che il sospettato catturato non è altro che Joseph James DeAngelo, di 72 anni. Gli investigatori hanno rivelato che l’uomo ha vissuto nella zona di Sacramento ed è stato identificato dopo una lunga serie di indagini. La polizia incolpa il cosiddetto Golden State Killer per 12 omicidi, 51 stupri ed oltre 120 furti. Il signor Joseph James DeAngelo è ora detenuto con l’accusa di quattro capi di omicidio: la morte del 1978 di Brian e Katie Maggiore a Sacramento e le uccisioni del 1980 di Charlene e Lyman Smith nella contea di Ventura. I pubblici ministeri sostengono che seguiranno ulteriori oneri.

Cosa ha dichiarato la polizia?

Secondo quanto è stato riferito dallo sceriffo della contea di Sacramento, la polizia stava da tempo monitorando il sospettato ed ha utilizzato un campione di DNA scartato per abbinarlo ai crimini da lui commessi. Annunciando l’arresto, la procuratrice distrettuale di Sacramento Anne Marie Schubert ha dichiarato “La risposta è sempre stata a Sacramento. La grandezza di questo caso ha richiesto che fosse risolto”. Il procuratore distrettuale della contea di Ventura, Greg Totten, ha rivelato che i pubblici ministeri intendono richiedere la pena di morte. Due anni fa l’FBI avevo offerto una ricompensa di 50.000 dollari a chiunque potesse contribuire a risolvere il caso.

Cosa si sa dell’assassino?

Secondo il quotidiano Sacramento Bee, l’assassino aveva vissuto con sua figlia e sua nipote nel quartiere di Citrus Heights nella città di Sacramento. Secondo il giornale l’Auburn Journal, Joseph James DeAngelo fu licenziato dal dipartimento di polizia di Auburn nel 1979, dopo essere stato accusato di taccheggio. La polizia ha dichiarato che molto probabilmente l’uomo ha commesso tutti questi crimini proprio mentre era in servizio come agente di polizia. L’assassino aveva lavorato anche come ufficiale ad Exeter, in California dal 1973 al 1976, un periodo in cui vennero commessi parecchi reati.

Quali erano i suoi crimini?

Il Golden State Killer, noto anche come East Area Rapist, Original Night Stalker e come Diamod Knot Killer, pare che abbia commesso stupri ed omicidi soprattutto nel periodo tra il 1976  ed il 1986, uccidendo ragazze e donne tra i 12 ed i 41 anni. I pubblici ministeri hanno rivelato che il “Regno del Terrore” ebbe inizio a Sacramento, per poi diffondersi a San Francisco ed infine nel sud e nel centro della California. I collegamenti tra i casi sono stati stabiliti dalle prove del DNA. L’aggressore faceva irruzione di notte nelle case, legava e poi stuprava le sue vittime. Prima di fuggire, rubava inoltre denaro, gioielli e documenti di identificazione. L’ultimo caso da collegare a Joseph James DeAngelo è stato lo stupro e l’omicidio di una donna di soli 18 anni a Irvine, Orange County, nel maggio del 1986.