Oggi è la giornata conclusiva del Salone Internazionale del Libro di Torino e sicuramente il bilancio di questa edizione verrà fatto nelle prossime ore e nei prossimi giorni. Di certo si può già dire che questa è stata l’edizione che ha trascinato dietro di se più polemiche in assoluto a causa della questione Altaforte, il cui editore è un sostenitore di Casapound. E’ stato molto difficile riuscire a trovare un compromesso per evitare che moltissimi disertassero l’evento e di conseguenza si è scelto di eliminare l’editore dagli stand. Aldilà di questo di certo questa è stata un’edizione ricchissima che ha visto tanti nomi noti tornare a parlare con i lettori e soprattutto delle conferme. Una bella conferma che ha deciso di festeggiare il suo decimo anniversario di attività proprio al Salone del Libro è Bao Publishing.

La sfida di Bao Publishing

E’ nella giornata di ieri che si è svolta la conferenza celebrativa dei dieci anni della casa editrice di fumetti che vede tra i suoi più illustri esponenti anche Leo Ortolani e Zerocalcare. I due direttori della Bao Publishing Caterina Marietti e Michele Foschini, hanno portato con loro sul palco alcuni degli autori che collaborano con loro proprio per festeggiare questo importantissimo risultato.

La realtà Bao Publishing è nata come vera e propria scommessa che si prefiggeva l’intento di portare qualcosa di innovativo e di qualità sul mercato dell’editoria. Il fumetto , purtroppo, spesso è stato visto come qualcosa di assolutamente di secondaria importanza; come qualcosa che alle librerie poteva interessare decisamente meno rispetto al resto.

La sfida è stata proprio quella di dare spazio a disegnatori e fumettisti che proponessero qualcosa di innovativo e di qualità. Gli editori stessi hanno voluto lanciarsi in questa sfida perché in primis amanti dei fumetti e desiderosi di vedere qualcosa di simile sugli scaffali di tutte le librerie.

Il fumetto talvolta è stato considerato come qualcosa “di nicchia” e quindi anche un po’ mistrattato dalle case editrici. Bao Publishing ha proprio voluto sfruttare questo spazio vuoto per dar voce ai fumettisti migliori per creare qualcosa che mai era stato fatto prima. La scommessa prevedeva una posta in gioco davvero molto alta, poiché la sfida era davvero dura. Tuttavia questa sfida è stata ampiamente vinta e gli sforzi ripagati poiché ieri Bao Publishing ha festeggiato i suoi dieci anni di attività.

La festa per i dieci anni al Salone del Libro

Quella di ieri è stata una vera festa per la casa editrice milanese. Gli editori hanno intervistato i loro fumettisti di fronte ad un pubblico che indossava cappellini colorati. L’intento di festeggiare per davvero questo traguardo con i lettori. Lettori che con così grande costanza seguono e permettono a questa casa editrice di migliorare continuamente.

Sono gli editori stessi che intervistano i loro fumettisti. L’intento, infatti, è stato quello di svelare qualche retroscena in più del lavoro che sta dietro alla creazione di un fumetto. Ogni autore ha parlato della sua propria tecnica con cui nasce un fumetto. Gli editori stessi hanno fatto una piccola classifica in base a quali sono gli autori con cui è più facile o difficile lavorare.

Per un Leo Ortolani che quasi non chiede nulla ai suoi editori fino ad opera conclusa; fino ad un Zerocalcare che ha mostrato qualche perplessità e problematica con la lunghezza dei racconti, ma non nelle tempistiche di consegna. Molte sono le tematiche affrontate e anche moltissimi gli interventi e i retroscena divertenti raccontati.

Gli editori hanno precisato quanto talvolta sia di certo difficile collaborare ma quanto anche sia gratificante farlo con autori di questo tipo. Le difficoltà di certo non mancano e soprattutto la mole di lavoro si fa sempre più imponente. Tuttavia questo non è altro che un segno positivo per Bao Publishing che si spera abbia davvero lunga vita.

I progetti futuri

Qualcosa di certo bolle in pentola perché i 10 anni sono stati festeggiati ma questo non è che l’inizio. Moltissimi sono i progetti in serbo che Bao Publishing ha svelato solo in parte. Di certo sarà necessario attendere i prossimi anni ma già dal 2020 le sorprese saranno grosse e di certo i lettori non rimarranno delusi.

Uno dei progetti è di certo un’ulteriore festa di Bao Publishing che avverrà a Milano. Gli editori hanno fatto sapere che la data dell’evento sarà il 21 dicembre e che dunque tutti gli appassionati devono tenersi pronti. Le sorprese saranno moltissime e i festeggiamenti ancora lunghi. Di certo Caterina Marietti e Michele Foschini hanno fortemente ringraziato autori, lettori e anche il Salone del Libro con cui da sempre collaborano e che ringraziano moltissimo per il sostegno dato in questi anni.

Salone del Libro che ha ringraziato e ha sottolineato quanto fosse importante l’evento “Bao Publishing X” attraverso le parole del direttore del Salone Nicola Lagioia. Grande organizzatore di uno degli eventi culturali più importanti non solo in Italia. Il Salone del Libro sta per concludersi con un grande bagaglio di cultura e soddisfazione che saranno di buon auspicio di certo per il prossimo anno.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]