Nella giornata del concerto evento de Lo Stato Sociale in quel della città natale del gruppo, Bologna, ecco arrivare una nuova consacrazione musicale.

Due degli esponenti del gruppo rivelazione dell’anno, Lodovico Guenzi  e Alberto Guidetti, hanno partecipato all’inaugurazione della statua di Roberto ” Freak” Antoni.

La statua inaugurata dal sindaco di Bologna Virginio Merola, ha visto la luce proprio nella giornata di oggi.

La statua di Freak Antoni

L’opera dedicata al padre fondatore del rock demenziale italiano, leader degli Skiantos, è stata eseguita dall’artista Daniele Rossi.

La statua è collocata all’interno del parco del Cavaticcio, in particolar modo all’interno del giardino Klemlen.

L’irriverente incisione ai piedi della statua recita «Poeta, cantante e scrittore. Distribuì cultura a badilate».

Seppur questo è un chiaro messaggio ironico, esso nasconde però  tutto l’amore per questo artista così innovativo ha saputo trasmettere al suo pubblico.

Non ultimi proprio Lo Stato Sociale ha omaggiato Freak Antoni dal palco di Sanremo insieme al grande comico Paolo Rossi.

Chi era Freak Antoni

Freak Antoni padre fondatore del gruppo demenziale Skiantos è colui che ha creato il genere rock demenziale.

Con i suoi Skiantos ha dissacrato tutti i cliché presenti nella musica di ogni tempo non rispondendo a nessuna regola imposta dal sistema.

Nell’immaginario collettivo Antoni è un baluardo della libertà di pensiero che in nessun’altra città è ancora così vivo come a Bologna.

Antoni è scomparso nel 2014 e mai nessuno come lui fino ad oggi è riuscito a ricreare quella frattura così profonda e necessaria nella musica e nella società.

Se da molti venne definito “inascoltabile”, non fu però così per la maggior parte degli italiani che invece lui hanno trovato quel guizzo di follia inesistente.

L’eredità di Freak Antoni e degli Skiantos non è stata ancora completamente distribuita nonostante i molti esponenti musicali che provino a emularli.

Coloro che più forse si avvicinano allo stile di Antoni sono Elio e le Storie Tese che di fianco a testi geniali pongono una base musicale superlativa.

Lo stesso Stato Sociale cerca in qualche modo di emulare il cantautore degli Skiantos cercando di proporre davvero qualcosa di innovativo sia dal punto di vista musicale che spettacolare.

La demenzialità proposta da Antoni infatti si snoda su più piani ed è proprio quella la reale innovazione da lui portata.

La statua in marmo in memoria dell’artista scomparso sarà di certo mete dei moltissimi che hanno amato la sua musica e che ancora lo amano.