Dopo giornate, se non mesi, sicuramente molto difficili per l’Italia e per la sua economia ecco che finalmente arriva qualche dato positivo da Piazza Affari.

Dopo l’innalzamento progressivo dello Spread che ha caratterizzato le giornate in cui l’Italia ancora versava in una situazione di instabilità governativa ad oggi fortunatamente la situazione appare migliorata.

Lo spread pare aver avuto una battuta d’arresto ed essersi in qualche modo abbassato e Piazza Affari ha riconquistato terreno.

L’andamento delle borse

Piazza Affari ieri ha chiuso in rialzo e il MIB FTSE MIB si è innalzato del 3,42%, dato estremamente positivo.

Lo spread, tuttavia, non è sicuramente uno dei più bassi della storia ma di certo si è abbassato molto rispetto ai mesi precedenti e la situazione si è assestata.

Ieri la chiusura infatti si è assestata circa sui 233 punti, cosa decisamente positiva che ha mandato il messaggio corretto a tutti i mercati europei.

Mercati europei che avevano mostrato segni di sfiducia nei confronti dell’Italia e perplessità per l’acquisto di quotazioni italiane.

La paura economica

La paura più grande e infatti era proprio questa perdita di credibilità nei confronti dei mercati europei e quindi una una conseguente crisi non solo governativa ma economica dell’Italia.

I mercati, dopo un’iniziale battuta d’arresto sembrano aver intuito che la situazione e la borsa è ricominciato a crescere.

La fiducia degli investitori sta man mano crescendo nuovamente e i titoli stanno riprendendo quota.

Nei prossimi giorni ci saranno aste molto importanti per vendere titoli di Stato ed è quindi fondamentale per tutti che l’economia subisca una ripresa.

Nonostante le prime azioni di governo non paiono essere stati brillanti agli occhi di molti, i mercati non sembrano subire questa perplessità.

Gli investitori sembrano essere disposti a dare ancora fiducia al mercato italiano permettendo una crescita dell’economia.

La paura più grande dell’instabilità governativa, infatti, era proprio questa.

Se la situazione non si fosse stabilizzata i mercati ne avrebbero molto risentito ed era anche importante che il governo fosse di tipo politico.

Non avere un governo politico ma tecnico significava mostrare l’incapacità di decidere e creare un proprio governo dando segno della nostra incapacità.

Per ora la situazione sembra essersi stabilizzata nel modo migliore e non resta che attendere le prossime mosse sia del governo che dei mercati.

Sicuramente non si farà attendere una risposta economica dall’Europa e a brave potremo verificare se effettivamente questi tre mesi di instabilità hanno dato i suoi frutti, almeno a livello economico.