Uno dei più grandi problemi economici sto paese è l‘evasione fiscale. L’evasione fiscale, in Itali,a è una vera e propria piaga che da sempre impedisce al paese di progredire. Da questo punto di vista, moltissime entrate che potrebbero essere utilizzate dallo Stato per far quadrare i conti pubblici, vanno perse a scapito dello stesso. Nel tempo si sono cercate delle soluzioni a questo problema, che però mai si è realmente risolto in modo concreto. Problema che, anzi, sembra essere sempre aumentare e presentare un florido mercato.  Il dibattito degli ultimi mesi riguarda l’utilizzo più parsimonioso del contante a favore dei pagamenti elettronici. I pagamenti elettronici sono tracciabili quindi più controllabili da molti punti di vista. Per cui, in questo modo, verrebbe scoraggiata l’evasione fiscale.  uttavia questo sistema viene osteggiato anche per problemi di logistica. Problemi di logistica che sembrano poter essere in parte risolti grazie all’introduzione della cosiddetta “Carta Unica”.

L’introduzione della “Carta Unica”

E’ stato proprio il Ministro dell’Economia Villarosa, appartenente al Movimento 5 stelle, a parlare Al Sole 24 Ore del progetto che prevede l’utilizzo di una Carta Unica. Quest’ultima facilita il cittadino nei pagamenti elettronici ma non solo. La necessità iniziale è comunque quella soprattutto di dare la possibilità a tutti di effettuare pagamenti elettronici, ma non solo.

E’ necessario andare incontro a quelle fasce più problematiche e che hanno difficoltà, come ad esempio gli anziani. L’introduzione di questa carta unica faciliterebbe anche l’utilizzo di tutti gli altri documenti di identità. Tuttavia un altro aspetto importante è anche l’accentramento di tutti i dati in un unico documento.

Lo scopo di questo provvedimento

L’intenzione è innanzitutto quella di facilitare i pagamenti e quindi di cambiare più rapidamente il metodo di pagamento eliminando progressivamente il denaro. Tuttavia, la carta unica, ha come scopo anche quello di sostituire e accorpare dentro di sè tutti gli altri documenti di identità.  In questo modo Carta d’identità, codice fiscale, tessera sanitaria e conto bancario, sarebbero accorpate in un univoco documento di riconoscimento.

La Carta Unica diventerebbe tutto ciò di cui si ha bisogno, sia dal punto di vista bancario, che dal punto di vista identitario. Sarebbe più semplice per tutti poter utilizzare un’unica carta per effettuare tutte le operazioni e soprattutto queste operazioni sarebbero tutte tracciate e completamente digitali. Di certo le problematiche sono molteplici poiché questo è una prima idea. Villarosa ha sottolineato che è necessario adeguare i sistemi, al fine di poter utilizzare effettivamente questa carta.

Sembra già in atto il lavoro sul layout del progetto che sembra prendere piede sempre più concretamente. Un aspetto molto importante e non secondario, è anche la protezione dei dati sensibili che in questo modo sarebbero concentrati in un unico  documento. Bisogna necessariamente dotare i sistemi di tutte le sicurezze necessarie per evitare che vengano rubati.

Questo perchè i possibili hacker potrebbero avere accesso, non solamente ai conti correnti, ma anche all’identità delle persone e a tutto il resto.  Questo è un progetto sicuramente ambizioso ma che, se attuato nel modo corretto, potrebbe davvero facilitare le operazioni.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]