La coccidiosi è una malattia causata da un parassita, il coccide. Una volta che è entrato nell’organismo del tuo cane, le oocisti (coccidi immaturi) presenti nelle feci si dirigono verso il tratto digestivo, penetrano nelle cellule del rivestimento intestinale e si riproducono. Le cellule si rompono, rilasciando il parassita. I coccidi possono riprodursi molto rapidamente, causando molti danni all’intestino. L’organismo invade e danneggia la parete intestinale, causando la diarrea che può diventare pericolosa per la vita del cane. La coccidiosi non mostra sempre i sintomi, ma provoca gravi complicazioni nei cuccioli (perché hanno un sistema immunitario sottosviluppato) e nei cani immunodepressi.

Tipi di coccidiosi

I coccidi immaturi o oocisti si producono in 3-5 giorni nell’intestino e sono in grado di trasmettere l’infezione. La progenie trasmissibile si moltiplica rapidamente, liberando migliaia di ovociti nelle feci di un cane infetto. Ecco i vari tipi di coccidiosi

  • Isospora canis
  • La Isospora neorivolta
  • Isospora ohioensis
  • Isospora burrowsi

Le condizioni favorevoli per l’oocisti coccidi sono l’umidità, l’ossigeno e la giusta temperatura.

Sintomi della coccidiosi

I coccidi possono essere presenti nell’intestino del tuo animale domestico e tuttavia rimanere asintomatici. Una volta che i sintomi iniziano a diventare evidenti, il tuo amico a quattro zampe può diventare molto malato. Porta il tuo cane in clinica senza indugio se vedi uno dei sintomi che sto per elencare:

  • Diarrea acquosa e mucosa
  • Diarrea esplosiva che alla fine può portare anche al sanguinamento
  • Letargo e debolezza
  • Disidratazione
  • Dolore addominale 
  • Vomito
  • Perdita di peso
  • Poco o nessun appetito

Cause della coccidiosi

Sebbene alcuni cani non mostrino alcun sintomo della coccidiosi, le oocisti vengono ancora depositate nelle feci. Qui esse continueranno il ciclo infettivo e passare ad altri cani. I cani possono ingerire i coccidi dai terreni contaminati, tramite la caccia e dai roditori infetti che possono ingerire. La materia fecale, il cibo e l’acqua che possono essere stati contaminati da materiale fecale, trasmetterà anche le oocisti. La coccidiosi è molto resistente all’ambiente, anche in condizioni di gelo. Essa si diffonde parecchio in condizioni di sovraffollamento, scarsa igiene e scarsa nutrizione. La coccidiosi può essere una malattia comune in cucine, rifugi ed allevamenti molto intensivi. I cuccioli stressati, ad esempio dopo lo svezzamento o la partenza dalla madre, possono sviluppare sintomi.

Diagnosi e cura

La diagnosi viene fatta dal veterinario che analizza un campione fecale ed individua il coccide attraverso il microscopio. Tuttavia, questo non è infallibile in quanto dipende dalla presenza di coccidi in quel particolare campione di cacca, mentre in realtà i coccidi vengono versati in modo intermittente rendendo possibili risultati falsi negativi. Pertanto, se il veterinario è sospettoso di un’infezione da coccidi basata sui segni clinici, può scegliere di trattarlo anche se un campione fecale risulta negativo. La cura prevede un ciclo di antibiotici di cinque giorni e ha pochi effetti collaterali. Inoltre, dal punto di vista del controllo, è importante lavare la lettiera, le scodelle per il cibo e per l’acqua dell’animale domestico. Bisogna inoltre pulire tutte le superfici della casa che entrano a contatto con il cane. Lavare il tuo cane all’inizio e alla fine della cura può essere un’ottima idea.

Prevenzione

La prevenzione è tutta una questione di igiene e di rimozione rapida della cacca in modo che non costituisca un rischio di infezione. Inoltre, mantieni pulite le ciotole e la biancheria dove sta il tuo cane. Facendo questo ridurrai il rischio di infezione da coccidi nell’ambiente. Il messaggio da portare a casa è che le infezioni da coccidi sono comuni e facilmente curabili. Tuttavia, qualsiasi diarrea in un cucciolo dovrebbe essere presa sul serio. È anche saggio ricordare che la diarrea è solo un sintomo, e non una diagnosi a sé stante, quindi è consigliabile che ogni animale malato venga controllato da un veterinario.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 1 Average: 4]