La moda, si sa, va molto veloce. Come arriva tende anche ad andarsene altrettanto velocemente e non solo per quanto riguarda l’abbigliamento.

Anche in moltissimi altri campi, la moda e tutto ciò di cui ella fa parte, è molto versatile e mutabile e spesso non dura nemmeno una stagione che già è finita. Questo vale anche per quanto riguarda ambiti che apparentemente centrano molto poco come ad esempio la cucina.

Non molto tempo fa la maggior parte delle persone preferiva di gran lunga trascorrere un pranzo o una cena in un agriturismo rustico che potesse soddisfare il loro palato da ogni punto di vista. In particolar modo, moltissimi, prediligevano una situazione di questo tipo anche e soprattutto per il rapporto qualità prezzo davvero ottimo. Solitamente gli agriturismi proponevano menù decisamente abbondanti a prezzi decisamente concorrenziali e questo era di certo l’ideale, soprattutto se gli invitati erano molti.

Molto spesso ci si accontentava del vino della casa e magari di una preparazione e di un servizio decisamente rustici. Solitamente posti come questo erano a conduzione famigliare o poco più ed erano in grado di trasmettere la passione per la buona cucina e di servire piatti abbondanti proprio come se ci si trovasse a casa. Con l’andare del tempo di certo questa tipologia di ristorante è rimasto ma, sempre più spesso, si decide di optare per la cucina gourmet.

Cos’è la cucina gourmet

La cucina gourmet è la cucina di cui tutti sentiamo parlare da circa 5 o 6 anni a questa parte grazie anche a moltissimi programmi televisivi che la propongono. Se prima anche a livello televisivo pagava l’ambiente casereccio e le quantità abbondanti facevano “famiglia” e risultavano invitanti, ad oggi, il palato è un pò cambiato.

La cucina gourmet è una cucina che propone piatti raffinati da ogni punto di vista. Se prima era importante il sapore e l’aspetto passava in secondo piano, ad oggi, è diventata fondamentale anche la presentazione. Riuscire a rendere un piatto invitante e soprattutto “artistico” è un vero e proprio valore aggiunto che fa la differenza. Questa differenza sta diventando sempre più sostanziale e gli chef stanno man mano creando sempre nuove composizioni per stupire i loro clienti.

Affinchè un locale abbia successo non è ovviamente solo necessario proporre piatti belli da vedere. La qualità della materia prima è fondamentale per la riuscita del progetto culinario che nell’impiattamento vedrà il suo tocco finale. Lo chef ha assunto un ruolo fondamentale e sembra aver acquistato quella stima che forse, prima, non era così riconosciuta. La figura dello chef è di certo fondamentale per avere piatti succulenti e sfiziosi ma, ad oggi, viene premiata anche la sua genialità.

Esistono sempre più corsi in grado di preparare i futuri chef non solo alla cucina ricercata ma anche alla preparazione visiva dei piatti. Lo chef è diventato un vero e proprio artista in grado di soddisfare il palato e la vista. Questa tipologia di porzioni non sono abbondanti come quelle dell’agriturismo e spesso il costo è anche molto elevato. Tuttavia tutti gli sforzi fatti dal ristorante e dal suo personale sono di certo ricambiati dalla cucina gourmet e da chi la apprezza sempre di più.

 

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]