Circa 48 ore fa è uscito il nuovo capitolo di Devil May Cry 5 e già si iniziano a fare le prime valutazioni. Gli utenti hanno atteso moltissimo questo nuovo capitolo in cui Dante riparte per le sue avventure e soprattutto per vedere le nuove abilità. Essendo un gioco di ruolo particolarmente imperniato sulle abilità tecniche di combattimento del personaggio, la cosa più attesa era soprattutto questa.

L’arrivo di Devil May Cry 5

Dalle prime impressioni tra gli utenti questo nuovo capitolo sembra non aver affatto deluso le aspettative. Il nuovo gioco della casa Capcom sembra aver rispettato in pieno tutto ciò che si era prefissa e forse ha fatto il salto di qualità. L’attesa era molta poiché gli altri capitoli della saga già avevano raggiunto livelli di gioco altissimi.

Le nuove abilità tecniche possono contare su una serie di combo mai viste prima che permettono al protagonista di destreggiarsi in modo decisamente migliore rispetto a prima e di interagire e muoversi meglio nell’ambiente. Le combo introdotte permettono di utilizzare una nuova serie di mosse con i nemici che di certo migliorano moltissimo la qualità di gioco. Nelle nuove combo è possibile sferrare anche 100 colpi consecutivi, di certo molto di più rispetto a prima.

Le qualità del gioco

Anche il gioco dal canto suo e la storia è molto più avvincenti. Nonostante si sia arrivati al quinto capitolo della saga la storia ha sempre nuovi e avvincenti spunti che rendono il gioco sempre vivo.

Devil May Cry 5 sembra aver trovato il perfetto equilibrio tra tutto e soprattutto sembra aver miscelato tutti gli elementi migliori della saga. come opera sembra davvero la migliore di tutte quelle fatte fino a questo momento. L’impegno della Capcom nel progettare e confezionare questo prodotto è stato davvero moltissimo. si capisce perfettamente che gli obiettivi erano impegnativi e che l’asticella doveva necessariamente alzarsi. Il livello doveva superare i capitoli precedenti e migliorarli.

C’è chi ha qualche perplessità sui personaggi, forse meno particolareggiati rispetto alla storia, le ambientazioni e le modalità di gioco. Di certo i personaggi sono posti su un livello inferiore rispetto a tutto il resto. Essendo un gioco di ruolo incentrato sul combattimento e su un percorso che si snoda per più livelli, qualcosa è stato curato meno.

Di certo il protagonista, Dante, ha mantenuto tutte le caratteristiche salienti dei capitoli precedenti ed è di certo il personaggio più particolareggiato poiché è protagonista. Gli altri personaggi che interagiscono nella storia spesso sono delineati solo a tratti e sono fondamentalmente funzionali rispetto ad essa.

E’ di certo piuttosto normale che sia così, infatti i fan non sono rimasti delusi da questa piccola pecca. Il videogioco ha di certo adempiuto ai suoi doveri e le aspettative sono state ampiamente rispettate.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]