In Olanda, la sperimentazione di farmaci su alcune donne incinte ha causato la morte di 11 bambini. A queste donne era stato somministrato il sildenafil, farmaco che ha portato alla conclusione dell’esperimento e ad un’attesa ansiosa per altre madri coinvolte in questo esperimento. Il sildenafil è infatti un farmaco venduto come Viagra, ma le pillole utilizzate nello studio non erano quelle prodotte dal gigante farmaceutico. Di seguito scopriremo i dettagli di questa terribile notizia.

Lo studio che ha provocato la morte di 11 bambini

Lo studio è stato progettato per testare se il farmaco sildenafil potrebbe aiutare a stimolare la crescita dei bambini nell’utero. La ricerca è stata condotta presso 10 ospedali dei Paesi Bassi e ha coinvolto donne le cui placente erano state sottoperformanti. Il Viagra ha la capacità di dilatare i vasi sanguigni e viene per questo usato per la disfunzione erettile negli uomini ed è prescritto per le persone con la pressione alta. La speranza, sostenuta dalla ricerca sperimentale sui ratti, era stata che il farmaco avrebbe incoraggiato un migliore flusso di sangue attraverso la placenta, promuovendo così la crescita del bambino. Le donne che hanno partecipato allo studio avevano erano incinte di bambini la cui crescita era stata severamente limitata nell’utero. La prognosi dei piccoli, data la mancanza di terapia disponibile, era considerata scarsa come risultato.

Le terribili conseguenze dello studio

L’esperimento è stato chiuso la scorsa settimana quando un comitato indipendente che sovrintendeva la ricerca ha scoperto che più bambini del previsto erano nati con problemi polmonari. In totale, 93 donne hanno ricevuto il farmaco, diciassette bambini hanno sviluppato problemi ai polmoni e 11 sono morti. Altri otto bambini nel processo sono morti per malattia non correlate al farmaco. Delle 90 donne che hanno assunto un placebo, tre hanno dato alla luce bambini che hanno sviluppato gli stessi problemi polmonari. Tuttavia nessun bambino è morto a causa di malattie che potrebbero essere collegate al Viagra. 10-15 donne che si sono sottoposte allo studio, stanno aspettando di scoprire se il loro bambino è stato colpito dal farmaco. Si teme che il farmaco abbia causato l’ipertensione nei polmoni, portando i bambini a ricevere troppo poco ossigeno.

Le dichiarazioni di chi ha condotto lo studio

In un’intervista al quotidiano olandese De Volkskrant, il leader della ricerca e ginecologo, Wessel Ganzevoort, ha dichiarato: “Volevamo dimostrare che questo è un modo efficace per promuovere la crescita del bambino. Ma è successo il contrario, sono scioccato. L’ultima cosa che vuoi è danneggiare i pazienti. Abbiamo già informato i ricercatori canadesi che stanno conducendo uno studio simile. Appresa la notizia, hanno temporaneamente interrotto le loro ricerche. ”

 

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]