Se la stagione sembrava partita nel peggiore dei modi per colpa delle temperature, l’estate italiana sembra subire una rapida ripresa.

Secondo le ultime statistiche sono moltissimi i turisti italiani e stranieri ad aver prenotato alberghi e villaggi proprio nel nostro paese.

La paura era soprattutto per le località marittime, che con le basse temperature, non avrebbero costituito un punto di forza del turismo di quest’anno.

La tendenza, però, non sembra solo invertita a quanto si pensava, ma sembra proprio che l’estate del 2018 sarà sold out ovunque.

L’estate dei record

Secondo una prima statistica fatta da Federalberghi, l’estate del 2018 registrerà un aumento delle prenotazioni di circa il 60% rispetto al totale annuo.

Il Presidente della federazione, Bernabò Bocca, ha confermato che le sensazioni generali sono molto positive e che, di certo, questa sarà una delle stagioni più ricche dal punto di vista turistico.

Analizzando i dati si osserva che l’apporto maggiore è dato dai turisti stranieri con il 51%, rispetto agli italiani.

Rispetto alle passate stagioni, i turisti provenienti dall’estero sono aumentati considerevolmente.

Si stima che da dieci anni a questa parte i turisti stranieri a far visita al nostro paese siano aumentati di circa il 40%.

Chi viene in villeggiatura in Italia

Gli stranieri di certo più affezionati al nostro paese sono i turisti provenienti dalla Germania, seguita a ruota da Stati Uniti e Francia.

Il guadagno delle imprese italiane che operano intorno al turismo pare essere davvero considerevole e moltissimi saranno i posti di lavoro in aumento.

Anche solo per la stagione estiva, i posti di lavoro saranno in aumento con una conseguente crescita di occupazione e possibilità di protrarre il rapporto lavorativo nei mesi a venire.

Le presenze attese saranno pari a circa 219 milioni e i dati sono in continuo aumento.

L’aumento è previsto proprio perché molti turisti indecisi sul da farsi a causa del clima stanno correndo ai ripari prenotando in questi ultimi giorni di giugno.

Se le mete marittime hanno temuto un calo proprio a causa del clima le città d’arte, invece, sembrano non subire alcuna battuta d’arresto.

Le possibilità di prenotare e trovare posto per le mete d’arte per questa estate si sta notevolmente riducendo.

Pochissimi sono ormai gli alberghi e le sistemazioni rimaste a disposizione ed è quindi consigliabile, per chi volesse visitare l’Italia, prenotare al più presto.

Che sia in una città d’arte o per una meta marittima, prenotare è assolutamente necessario per poter godere delle bellezze italiane.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]