Dopo lo scandalo Cambridge Analytica, le altre applicazioni social hanno deciso di muovere una protesta contro Facebook chiamandola Faceblock.

Le due applicazioni coinvolte nella protesta sono la popolare chat Whatsapp e il social Instagram.

I motivi della protesta

Whatsapp e Instagram hanno deciso di protestare contro la gestione dei dati sensibili di Facebook con uno “sciopero” di circa 24 ore.

Questa sorta di “fermo” per 24 ore è già stato ribattezzato Faceblock.

Quello che per l’Italia sembra arrivare come un fulmine a ciel sereno in realtà è una protesta decisamente motivata, vista la truffa ai danni di milioni di utenti americani.

Come sarà il Faceblock

Lo scopo del Faceblock applicato da Whatsapp e Instagram avrà come scopo la sensibilizzazione degli utenti nei confronti del colosso di Zuckerberg.

Lo scandalo Cambridge Analytica ha avuto una portata tale da spingere le due applicazioni ad indire una vera e propria campagna punitiva contro Facebook.

Il sistema agisce come una sorta di psicologia inversa.

Whatsapp e Instagram vogliono la chiusura e l’abbandono di Facebook e quindi si bloccano loro per primi per mandare un segnale di protesta molto forte.

Il blocco però sarà facoltativo.

La scelta di rendere il blocco facoltativo vuole proprio aumentare la presa di coscienza degli utenti invitandoli a riflettere da soli senza alcuna imposizione dall’esterno.

L’invito a non accedere a Facebook era già stato fatto e ora anche Whatsapp e Instagram vogliono dare il loro contributo in merito ad una questione spinosa e ancora irrisolta.

Sicuramente non sarà il Faceblock ha bloccare l’onda di polemiche e accuse contro il social e il suo creatore.

Mark Zuckerberg, dal canto suo, sta cercando di placare gli animi e di riacquistare la fiducia degli utenti che sembra essere davvero molto in crisi.

La probabilità che tutti gli utenti abbandonino in massa Facebook è abbastanza difficile e remota ma la fiducia e l’utilizzo ne sono certamente compromessi.

La data scelta per il Faceblock è l’11 aprile e si attende una grandissima partecipazione all’iniziativa di protesta.