Era da molto tempo che i fan attendevano il suo ritorno sulle scene e ora sono stati accontentati. E’ sempre più vicino il ritorno di Fiorello, il popolare showman ha infatti annunciato l’arrivo del suo nuovo e tanto atteso show “Viva RaiPlay!”proprio dalla diretta del Tg1. Questo show sarà un ritorno con qualcosa di nuovo ma dove sicuramente i telespettatori troveranno quello che di Fiorello hanno sempre amato.

Fiorello a “Viva RaiPlay!”

Dopo moltissima pubblicità e qualche mese di attesa, è finalmente giunto il momento di gustarsi il nuovo show di Fiorello che sembra davvero promettere grandi cose. A dirlo è lo showman stesso ai microfoni del telegiornale di Rai 1 che ieri sera ha svelato le molte novità del suo nuovo programma e di quanto gli mancasse la “vera” televisione invece della semplice pubblicità.

Fiorello, infatti, pone l’accento proprio su questo, su quanto gli sia mancato davvero il suo rapporto con il pubblico e la possibilità di esprimersi. Sicuramente la radio gli ha dato molto spazio di espressione, ma un nuovo show gli permette di sperimentare formule nuove, senza però dimenticare ciò che a lui è sempre piaciuto di più, il contatto con il pubblico.

“Viva RaiPlay!” andrà in onda per ben 5 giorni, fino all’8 novembre e sarà una striscia quotidiana racchiusa in soli 15 minuti. Lo show andrà in onda sia su Rai Play che su Rai 1. Questa però è solamente un’anteprima di ciò che poi sarà il programma, che andrà in onda alle 20.30 di ogni mercoledì, giovedì e venerdì.

Cosa ci sarà nello show

Fiorello ha parlato del suo show con molto entusiasmo e ha svelato che sarà un concentrato unico di musica e satira. Una formula non certo differente dalle altre che è solito applicare ai suoi show, ma di sicuro successo. Quello che è sempre riuscito a fare Fiorello è coniugare perfettamente questi due aspetti senza mai rimanere indietro e accettando e migliorando la modernità.

Un esempio lampante è la sua trionfare entrata accompagnato da una eterna Raffaella Carrà insieme ad Achille Lauro, uno dei nuovi artisti che si affacciano ad una scena musicale sempre più diversa e curiosa. Questa è la rappresentazione perfetta di come tradizione e modernità possono convivere e di come Fiorello sia in grado di amalgamarle, da sempre, alla perfezione. Divertente è il vero e proprio “testimone” che viene lasciato a Fiorello da Pippo Baudo, vero veterano della Rai, che lo “investe” di questo ruolo.

A tutto questo non mancherà di certo la satira, satira cominciata con una frecciatina ben assestata al leader di Italia Viva, Matteo Renzi. Fiorello non risparmierà le sue battute a nessuno, come del resto ha sempre fatto. Il vero ingrediente segreto di questo show è lo stesso di sempre, lui.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]