Enogastronomia e turismo in Italia viaggiano sempre più spesso di pari passo. A livello di cucina e di prodotti l’Italia occupa di certo una posizione d’onore nel mondo. Moltissimi sono i prodotti tipici che possiamo trovare i  ogni regione e tutti ugualmente prelibati. Tuttavia, alcuni in particolar modo, sono non solo prelibati ma delle vere e proprie pietre preziose dal valore immenso. Il caso più eclatante è quello del tartufo.Il tartufo oltre ad essere una prelibatezza, è un prodotto che ogni anno porta un turismo pari a 63 milioni di euro. Questo fatturato gigantesco è merito di questo meraviglioso prodotto ma anche della promozione che viene fatta intorno ad esso. Moltissime sono le regioni che possiedono il tartufo e che lo utilizzano abitualmente nella loro cucina e che quindi possono promuovere la sua esportazione.

In Italia gli eventi dedicati alla promozione del tartufo sono concentrati soprattutto in Piemonte, Umbria, Emilia Romagna, Toscana, Marche e Molise. Ogni anno sono sempre di più e ormai hanno raggiunto circa i 120 eventi spalmati soprattutto nei periodi di raccolta autunnali. Tuttavia tutto l’anno il tartufo viene promosso e vengono promossi i prodotti di ogni tipo che arrivano dalla lavorazione di questo pregiata tipologia di fungo.

La magia del tartufo

Quello che più piace del tartufo è anche la sua capacità di adattarsi a più piatti e quindi di poter essere abbinato a moltissimi sapori diversi. Dal tartufo si riescono a produrre anche moltissime tipologie diverse di prodotti come anche l’olio, da poter abbinare ad una semplice insalata e renderla speciale. Essendo un prodotto di moltissimi luoghi, fin dai tempi antichi il tartufo è stato utilizzato nelle cucine locali. Soprattutto un tempo, quando ancora non si conosceva il valore commerciale di questo prodotto, veniva usato in cucina per arricchire magari un pasto povero e per dargli più sapore.

Ad oggi, il tartufo, ha acquistato un valore commerciale immenso, in particolar modo il tartufo bianco, e quindi ogni raccolto va preservato per la vendita. L’industria e il commercio che girano intorno al tartufo e ai prodotti che ne derivano è davvero immensa e l’economia che gira intorno a questo prodotto è davvero florida.

Turisti e appassionati di gastronomia arrivano ogni anno da tutto il mondo per gustare questa prelibatezza agli eventi che ruotano attorno al tartufo. Sono soprattutto le sagre e gli eventi locali che riescono a tirare fuori il meglio di questo prodotto che viene utilizzato per molteplici lavorazioni. I soldi che ogni anno si guadagnano grazie al commercio e all’esportazione del tartufo sono preziosissimi per la nostra economia. Mentre essa è compromessa, alcuni settori, fortunatamente, resistono e cercano di trainarla fuori dalla zona rossa del recesso. In  Italia non solo il turismo dell’arte e della cultura è la chiave per uscire dalla crisi, ma anche e soprattutto il turismo enogastronomico.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]