Secondo uno studio condotto in Spagna, concedersi lo spuntino di mezzanotte o cenare troppo tardi potrebbe aumentare il rischio di cancro al seno e alla prostata. Gli studi hanno infatti dimostrato che quest’abitudine alimentare provoca una sorta di interruzione dell’orologio interno del nostro organismo. Gli scienziati spagnoli hanno infatti scoperto che le persone che mangiavano regolarmente la cena dopo le 21:00 o due ore prima di andare a dormire avevano un rischio maggiore del 25% di sviluppare il cancro al seno e alla prostata. Di seguito vedremo nel dettaglio in che modo lo spuntino di mezzanotte aumenta il rischio di sviluppare il tumore.

Gli spuntini di mezzanotte fanno male alla salute

Il team, dell’Istituto di Barcellona per la salute globale ha dichiarato che spesso il cancro potrebbe essere il risultato di cene tardive o di spuntini di mezzanotte. Questi pasti costringono il metabolismo del corpo ad accelerare, in un momento in cui dovrebbe essere liquidato per andare a dormire. Ecco cosa ha dichiarato l’autore principale dello studio “Il nostro studio ha dimostrato che l’aderenza ai modelli alimentari diurni è associata a un minor rischio di cancro. I risultati evidenziano l’importanza di valutare i ritmi circadiani (l’orologio interno del corpo che regola il ciclo giorno-notte) negli studi sulla dieta e il cancro”. I ricercatori hanno intervistato 1.800 pazienti spagnoli malati di cancro alla prostata o al seno e più di 2.000 persone non affette dalla malattia. Hanno esaminato i loro schemi di alimentazione e di sonno e qualsiasi misura da loro adottata per mantenersi in salute. Hanno scoperto che i malati di cancro erano più inclini agli spuntini a tarda notte.

Le persone maggiormente a rischio

Diversi importanti studi hanno esaminato il danno alla salute di chi svolge un lavoro a turni, come gli infermieri e gli operai. Pare infatti che le persone che hanno questo tipo di occupazione abbiano un elevato rischio di cancro alla prostata e al seno. Questi tipi di cancro sono strettamente collegati a segnali ormonali e sono spesso trattati con terapie di testosterone o di estrogeni. Gli ormoni sono messaggeri chimici che possono farci sentire assonnati, affamati e stressati. Essi sono quindi strettamente legati ai ritmi circadiani del corpo, l’orologio interno che è impostato dal ciclo giorno-notte (diurno). Attualmente le linee guida internazionali sulla prevenzione del cancro non menzionano il potenziale impatto dei tempi di pasto sul cancro. Tuttavia, è stato dichiarato che il lavoro a turni è un elemento cancerogeno.

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]