Secondo degli studi un cucchiaio di zucchero non solo rende le medicine più facili da ingoiare, ma potrebbe aumentare anche la loro efficacia. Il risultati mostrano infatti che lo zucchero può rendere degli antibiotici più efficaci nell’eliminare delle infezioni batteriche. Questo alimento inganna i batteri che potrebbero diventare pericolosi consumando l’antibiotico e quindi finiscono per morire davvero. Alcuni ricercatori hanno dichiarato che l’aggiunta dello zucchero a determinati farmaci aiutano la cura per alcune infezioni batteriche croniche, come la tubercolosi e lo stafilococco. Finora gli studi sono stati condotti su animali e sono necessarie ulteriori ricerche per vedere se i risultati saranno gli stessi sugli esseri umani. Secondo il professore di ingegneria biomedica James Collins  non ci sarebbe più la necessità di assumere determinati farmaci per combattere le infezioni ricorrenti. In tal modo i pazienti potranno così risparmiare parecchio denaro.

Infezioni batteriche persistenti

Alcuni infezioni batteriche tra cui, lo stafilococco, la tubercolosi, lo streptococco, le infezioni all’orecchio e le infezioni del tratto urinario diventano croniche e si ripresentano anche dopo che sono state curate con gli antibiotici. Questo succede perché alcuni batteri persistono e sono in grado di sopravvivere a questo tipo di farmaci. Le infezioni batteriche persistenti possono durare anche mesi e mesi e tornare anche quando il paziente sembra guarito. Tali infezioni possono diffondersi anche in altri organi, come ad esempio i reni. I batteri persistenti sopravvivono poiché hanno mutazioni genetiche che li proteggono dagli antibiotici. Essi spengono infatti le loro funzioni metaboliche e giacciono dormienti nel corpo, rifiutandosi di “mangiare” gli antibiotici, progettati per avvelenarli. Invece secondo James Collins lo zucchero risveglia i batteri e li costringe a mangiare anche i farmaci che poi li uccideranno.

Le ricerche fatte da James Collins

James Collins ed i suoi colleghi hanno testato la loro tecnica su topi che soffrivano di infezione del tratto urinario. Il trattamento degli antibiotici insieme allo zucchero ha eliminato il 99,9% dei batteri persistenti. La cura con soli antibiotici non aveva invece avuto alcun effetto. Il tipo di zucchero usato può fare la differenza. Ad esempio, i ricercatori sono stati in grado i eliminare il batterio stafilococco aureo utilizzando lo zucchero ed il fruttosio insieme ai farmaci. James Collins ha intenzione di realizzare un farmaco che contenga l’antibiotico e lo zucchero per curare le persone affette da gravi infezioni. Il professore ha intenzione di creare una medicina che possa essere assunta per via orale piuttosto che un farmaco da iniettare con un’iniezione. Collins ha chiarito che ancora c’è molto da fare, ma afferma di essere più che determinato.