Dopo circa un mese e mezzo di consultazioni e stallo politico ecco che al Quirinale viene chiamata il Presidente del Senato Maria Casellati.

Sergio Mattarella ha deciso di convocare Maria Elisabetta Alberti Casellati al Quirinale per darle l’incarico per un mandato esplorativo.

La decisione di Mattarella

Dopo ben due giri di consultazioni chiusi con un nulla di fatto, il Presidente della Repubblica Mattarella, ha deciso di intervenire affidando il mandato alla Casellati.

Il Presidente del Senato è stata convocata alle ore 11 della giornata odierna al colle per avere il mandato.

Sarà compito di Maria Casellati cercare di consultare i partiti e cercare di trovare una soluzione per formare un governo stabile in grado di guidare il paese.

Nel frattempo, in questi minuti, il Parlamento si trova in seduta comune per eleggere un giudice della Corte Costituzionale e per eleggere due membri del Consiglio superiore della Magistratura.

La scelta di Maria Casellati

Nella storia della Repubblica Italiana è la seconda volta che si sceglie di affidare l’incarico esplorativo a una donna.

L’ultima volta risale al 1987 quando l’incarico venne affidato a Nilde Iotti, Presidente della Camera, da Francesco Cossiga.

L’intento di Mattarella è quello di dare una possibilità ad una figura come quella di Maria Casellati, berlusconiana di ferro, forse in grado di trovare un accordo fra centrodestra ed eventualmente il PD.

Il discorso 5 Stelle resta molto nebuloso perché i pentastellati di Di Maio non sembrano voler cedere ad un esecutivo che includa Forza Italia.

E’ di certo davvero difficile arrivare ad un accordo tenendo conto dei rispettivi veti imposti dai partiti.

Il Movimento 5 Stelle apre a Lega e PD ma non vuole un esecutivo in cui sia incluso il partito di Silvio Berlusconi.

Dall’altro lato il leader della Lega Salvini, non sembra intenzionato a rompere la coalizione con il Cavaliere.

Il compito di Maria Casellati è molto complicato, ma la fiducia che ripone in lei Mattarella, apre qualche speranza per la formazione di un governo.